I libri più belli, letti nel 2013

Libri: un flusso creativo ininterrotto di titoli, autori, consigli, sconsigli, analisi, emozioni, discussioni sulle emozioni. Ma anche digressioni e tante tante richieste di consigli o di pareri. Siamo dunque di nuovo al momento di dare il via alla grande festa dei libri più belli letti nel corso dei quest’anno. Il post dedicato a quelli del 2012 ha superato i mille commenti (sì 1000) ed è – come quelli degli anni precedenti – un enorme giacimento di ragionamenti e idee sulla lettura. La lettura e i libri; i lettori e i libri, i lettori con i lettori.

Ora partiamo con quello del 2013: speriamo di mantenere tutti gli amici degli anni trascorsi e di incontrarne nuovi. Sarà un viaggio bellissimo.

Le regole sono le stesse: i migliori libri letti nel corso dell’anno, indipendentemente da quando siano stati pubblicati. Valgono richieste di consigli, scambi di pareri, suggerimenti. Valgono tutti i libri che volete.

Come sempre usiamo i commenti.

1.778 commenti

  1. @adour
    se è questo il modo di replicare ad intervento che, come il mio, aveva solo l’intenzione di esprimere in modo — credo — educato e civile un punto di vista, siamo messi proprio bene…
    E cmq basta dirlo, e tolgo subito il disturbo.

    "Mi piace"

  2. @ gabrilu — le tue analisi sono sacrosante, vista la situazione. Certo è Gabrilù che l’irrompere in Parlamento di milioni di giovani, pieni di passione,pieni, finalmente, di una “diversità” generosa da salutare con speranza,non ci deve spaventare. Certo le istituzioni hanno delle regole inderogabili ma dovranno essere le istituzioni stesse a trovare il modo di comprendere questo fenomeno , così’ importante che viene a scombinare una situazione incancrenita e non più tollerabile. Non credi ? Io ci tengo molto ai tuoi post, spero proprio che continui a scrivere.
    Adour– sei tanto arrabbiato? Forza, che sei dalla parte giusta. poi non si sa mai cosa possa succedere. Se penso che SCILIPOTI è tornato in Parlamento , vorrei mille Beppi Grillo.! Sono contenta che tu legga un libro che ho letto anch’io. a presto.

    "Mi piace"

  3. Cara @gabrilù non ho potuto rispondere subito al suo post, (il turno di notte inizia alle ore 20,oo) e mi dolgo per l’attesa. Leggo la sua analisi e parla di padroni,di sfasciatori,di qualunquismo(uno vale altro),di menar gente per il naso,fumo e leggo inorridito “La massa non ha sempre e di per sè (solo in quanto massa) e necessariamente sempre ragione.” La massa che intende lei ,è ovvviamente da ricercarsi in un certo numero di persone diciamo quasi 8 milioni,senza cuore (per il paese) senzaTesta (incapaci di fare la giusta scelta)come pecore che seguono il suo pastore o 2 come dice lei. Grulli-ni che per dimostrare a lei e al suo partito di avere testa dovrebbero dare la fiducia (cieca)per ….. il bene del paese. Ecco un originalità ma non è simile a quella sentita da monti un anno fa? Non in nome del popolo (che costituzionalmente le ricordo è sovrano) ma in nome del bene del paese che sono state commesse le più grandi nefandezze. Io ho dichiarato pubblicamente qui,un blog di lettura,da che parte mi sono posto,di lei invece lo intuisco,e mi creda, ho votato con il cuore e la testa. Ora lei (il suo partito) mi dice che per dimostrare che la mia testa contiene qualche neurone ancora in attività,deve assumersi le sue responsabilità,davanti a dio e al mondo di votare una fiducia per “ il bene del paese” che contiene in sé i germi di una vecchia politica,dalema,letta,bindi vendola(che ha svenduto la mia regione,per la smisurata ambizione di premier o di una figura molto vicina a quella). Alcuni dati sui votanti M5S età dai 18- ai 65 anni con un picco dai 18 ai 38,apparteneti a classi medio-borghesi,per la maggior parte laureati o neo-laureati secondo lei massa secondo me “persone”. Ma crede veramente che il mio sia stato solo un voto di rabbia,crede che le basti pensare questo,per poter liquidare il mio voto,la mia volontà di partecipare ad una nuova vita di questo paese,per me ,per i miei figli. Se questo può far star tranquilli,i vertici del suo partito che non perdono e non vincono da circa 40 anni,che non hanno e non si prendono responsabilità,ma che le devolgono,a chi non si era impegnato per la guida del paese,sicuro di una grande vittoria,ma per un suo profondo cambiamento bèh allora le ripeto le parole di @Paolo che cita samarago!
    @Camilla –odette : in questi giorni ho letto 2 libri L’ULTIMO TESTAMENTO di frey e PARLAR DA SOLI 2 libri ” devastanti” il secondo devastante-mente BELLO per la vicinanza del tema !!!!!!!! (eletto il mio migliore del 2012) dopo la doccia una piccola lunga recensione se non vi annoio ancora.
    Un abbraccio (per la gioia dei parenti di jezabel asettico-chirurgico-moralmete attento)

    "Mi piace"

  4. @ adour considero il voto al M5S è un’occasione per vedere se si riesce a cambiare qualcosa in questo paese. Io non ho votato M5S, ma il centrosinistra. Ma conosco tanta gente che lo ha fatto e io non li considero “esagitati” ma gente che cerca di difendersi da una politica proterva che finora ha difeso solo se stessa.

    Il PD e lorsignori della vecchia politica farebbero meglio a tenere conto di questo voto, che si leva dal tradizionale solco del “do ut des” (allocuzione abusata dal Bossi che poi ne cadde vittima) per chiedere il cambiamento.

    I politici devono iniziare a fare le poche e semplici cose che andrebbe a ridurre la distanza tra i baroni della politica e la gente comune. Se i politici non si attiveranno per dare segnali di umiltà e cambiamento di rotta, la gente – che vive male anche a causa dei tentennamenti della politica – inizierà a protestare veramente. E in quel caso la situazione diventerebbe veramente ingovernabile.

    Poi c’è la questione di Grillo in sé: cosa rappresenta, chi c’è dietro, i metodi di leadership adottati. Nessuno lo sa veramente chi sia Grillo. Questa è la vera questione dolente.

    Ma il voto della gente è sacrosanto. Sta alla politica dare una risposta chiara.

    "Mi piace"

  5. oggi …smontante notte quindi dovrete sopportarmi 😉

    @The Running Franz spero che dietro Grillo ci siano solo persone come me e penso come te(idealmente). Per il resto sono completamente daccordo con te.
    Un caro saluto

    "Mi piace"

  6. per paola e betty blu e per chiunque abbia lo stoicismo di leggere

    adour 1
    L’ ULTIMO TESTAMENTO DELLA SACRA BIBBIA di James frey ed . Guanda

    Avete mai visto quei documentari tipo real tv,in cui compaiono le testimonianze di varie persone che erano presenti all’accaduto o “evento e che si dirama pian pian attraverso queste,fino a delineare il clou dell’accaduto stesso ?“ebbene è cosi che si articola il romanzo attraverso “testimonianze” su Ben Zion Avrohom ,da parte di personaggi che hanno incontrato “il nuovo Messia”. Un messia,un dio completamente trasformato,che di iconoclastico,mantiene solo la luce che emana e la serenità che trasmette. In realtà Ben MAI ammetterà di essere il messia, se non attraverso l’interlocuzione di “Tu lo dici” di evangelica tradizione. Ma frey qui parla,disegna un messia Carnale (essenzialmente carne anche se non generato dalla carne) dove l’amore può su tutto.
    Un amore,però, che non è sentimento metafisico,o moto dell’animo. L’amore del nuovo messia ,tratteggiato dall’autore,è un amore terreno,Carnale sensuale,erotico e erotomane, dissacrante e dissacratorio,senza barriera o limiti.. Qui l’amore è la ricerca stessa dell’appagamento dei sensi ,in senso puramente edonistico,è PIACERE PURO. E agli uomini che chiedono aiuto nella fede egli risponde che “dio no sa che esisti e non gli importa niente di te” oppure “Le religioni del mondo sono in rovina e prive di senso” la fede è per gli stupidi la bibbia anacronistica e così via.Ma ogni concetto ,ogni affermazione,ogni diversificazione del senso della fede,porta nel libro,sempre i segni della carnalità della passione carnale,della sensualità. Gli orgasmi di Mariaangeles“,l’erezione del prete mark,in chiesa.jacob,suo fratello integralista cristiano,che picchia sputa addosso e caccia la madre. Il bacio e le carezze carnali in cucina davanti alla madre,sorella etc.Tutto è dissacrato, ma ripetuto costantemente in ogni testimonianza ,per cui il romanzo diviene,noioso,ripetitivo e questi concetti che dovrebbero travolgerti appaiono solo provocatori e beceri . il finale ? qualcuno volò sul nido del cuculo.
    Scuramente cara mia @paola questo lo ripeto fa parte dei miei limiti etico-religiosi,pur ritenendomi una persona estremamete aperta, ma ho dovuto interromper più volte la lettura di questo libro ,Forte (molto) ed eccessivo(troppo).
    Ma non smetterai mai di essere la mia musa !

    "Mi piace"

  7. @Renza. Grazie per aver ingioiellato la mia citazione sbrigativa di Adriano Olivetti
    @Adour. Posso mettere un “condivido” alla tua risposta a Gabrilù?

    E ora veniamo al mio amico @Stefano
    Ho finito Tonon e provo a dirti cosa mi ha lasciato.
    I due libri partono da un punto chiave (scomparsa del genitore). IL NEMICO dedicato al padre adottivo morto solo, in ospedale, dopo una vita dura di lavoro è toccante e intenso nella prima parte mentre trovo la seconda un po’ astratta, quasi un esercizio di scrittura propedeutico alla stesura del primo.
    LA LUCE PRIMA è più lirico, maturo (cronologicamente infatti viene dopo) anche se con ancora qualche punto debole nella narrazione, con periodi molto lunghi, tanti incisi che fanno perdere un po’ il filo dell’intensità espressiva. Bella comunque e intensa la figura della madre Vincenza, mitica donna del sud trapiantata nel Friuli con un contratto matrimoniale, piccola-grande donna, forte-insicura, amatissima.
    Dal punto di vista del contenuto faccio un po’ fatica a comprendere la visione della vita di Tonon, che affoga in innumerevoli bicchieri di vino sempre mezzi vuoti.. Ex francescano avrà trascorso ore in preghiera e in meditazione e avrà ben conosciuto qualche momento di grazia che difficilmente si dimentica. E’ mai possibile che ciò che traspare, rimane della sua fede sia solo delusione, rabbia, astio. Per me rimane un modello Etty Hillesum (se ti va leggiti il suo diario straordinario. Ed. Adelphi) che nel reticolo di un lager sapeva vedere la bellezza di un quadrato di cielo. Io sono cresciuta con Pavese che non aveva propriamente una visione ottimistica della vita, uno per il quale vivere era “mestiere” faticoso. Tuttavia dai suoi libri non manca un senso positivo di attaccamento alla terra che è casa, culla natale (purtroppo alla fine non gli è bastato…). In Tonon non c’è mai luce (solo prima, nel feto e forse dopo la morte) e la vita pare un cammino verso una fine desiderata come un’amante, un silenzio assoluto che è un muro eretto tra se stessi e la vita, impossibilità di alcun riscatto. Non c’è segno di lotta perché ogni lotta sembra persa in partenza.
    Sicuramente la mia opinione viene da una distanza tra la mia storia personale e quella dell’autore e capisco che tu possa sentirlo più affine. Mi piacerebbe comunque sapere che ne pensi.. ammetto che potrei essermi persa qualcosa.
    A proposito hai visto che cita Merton? Quindi anche lui lo conosce e lo apprezza. Ecco ho trovato una cosa che ho in comune con lui.
    Fammi sapere. A presto e buone letture. Ciao Dani

    "Mi piace"

  8. Alcune letture che a me sembrano interessanti e che sto riprendendo in mano in questo periodo:
    **ELIAS CANETTI, MASSA E POTERE (varie edizioni, tra cui I Meridiani)

    Canetti ci dice un sacco di cose sul concetto di massa e su come può venire gestito/manipolato il potere sulle masse.
    “Massa” non è una parola buona e giusta e santa di per sè (lo so che questo concetto, per il momento non va di moda, ma tant’è). La massa — ma l’aveva scoperto, senza andar troppo lontano già il Sciur Manzoni —- è qualcosa le cui dinamiche, a seconda delle tipologie e delle modalità con cui il potere viene esercitato, possono esser molto buone o nefande.
    Negare questo significa mettere la testa sotto la sabbia.
    Il problema non è santificare o demonizzare “la massa”, ma cercare di capire, di volta in volta, di che tipo di massa si tratta e di quale sia il potere che in essa viene esercitato.
    Io mi sto chiedendo (non ho, al contrario di altri, la risposta già bell’e pronta) che tipo di massa è quella del M5S e che tipo di potere è quello che viene esercitato su di essa.
    Tutto qua.

    ** NORBERTO BOBBIO , IL FUTURO DELLA DEMOCRAZIA (Einaudi)
    Interessante, in particolare, il concetto che Bobbio esprime quando scrive:
    “L’ipotesi che la futura computer-crazia, com’è stata chiamata, consenta l’esercizio della democrazia diretta, cioè dia a ogni cittadino la possibilità di trasmettere il proprio voto a un cervello elettronico, è puerile.”

    e ancora:

    “A giudicare dalle leggi che vengono emanate ogni anno in Italia il buon cittadino dovrebbe essere chiamato a esprimere il proprio voto almeno una volta al giorno. L’eccesso di partecipazione, che produce il fenomeno che Dahrendorf ha chiamato, deprecandolo, del cittadino totale, può avere per effetto la sazietà della politica e l’aumento dell’apatia elettorale. Il prezzo che si deve pagare per l’impegno di pochi è spesso l’indifferenza di molti. Nulla rischia di uccidere la democrazia più che l’eccesso di democrazia. “(p. 22)

    ** Sempre NORBERTO BOBBIO i video rintracciabili su YouTube a partire da

    ** MICHEL FOUCAULT,
    — LE PAROLE E LE COSE
    (il concetto, in particolare, sull’importanza, appunto, delle parole)

    — SORVEGLIARE E PUNIRE (interessante, in particolare, la parte che riguarda il concetto di “trasparenza” quando parla del Panhopticon di Bentham

    ** TZVETAN TODOROV, MEMORIA DEL MALE, TENTAZIONE DEL BENE

    ** Qualche libro di storia sulle **origini** dei più noti autoritarismi del secolo scorso.
    Qualche libro su predicatori e “profeti”.

    Infine, se posso permettermi: eviterei (io, almeno, cerco di evitarlo) giudizi sommari sulle persone con le quali ci si trova ad interloquire su un blog solo sulla base di “intuizioni”.

    Io ho cercato di esprimermi (malamente, forse, perché no?) su idee e concetti.
    Non mi sembra di aver sparato giudizi (basati su “intuizioni”) su singole persone.
    E con questo, davvero vi saluto.

    "Mi piace"

  9. @gabrilu in questi giorni mi è venuto spesso in mente “Massa e potere” che è un libro di cui non sono mai riuscito a completare la lettura. Ne ho lette poche pagine – in realtà – e mi ha affascinato quando parla della scintilla che fa sì che una massa si formi e sia addensi, con la partecipazione di sempre più persone che rendono questa massa compatta. Sicuramente è un libro da leggere per quanto riguarda le dinamiche delle masse (ed è anche un’analisi di ciò che accadde nella prima metà del secolo scorso).

    Qui però, non si tratta ancora di parlare “della massa” (non per ora, almeno) ma della poca iniziativa mostrata dai politici per riavvicinarsi alla gente comune che in tempi di crisi soffre. Questa mancanza di iniziativa è il perverso meccanismo che può portare una scintilla a far scattare la massa, compatta, intorno a un leader (per andar dove, non si sa). Non subito però, ma solo se la classe politica continuerà ad essere autoreferenziale.

    "Mi piace"

  10. Cara Gabrilu’e tutti,le ragioni del successo di Grillo e della non-vittoria di Bersani sono state analizzate bene da tanti,fra cui anche da Barbara Spinelli su Repubblica.E’ tutto li’,e’ tutto vero,questi onorevoli non si sono mai tolti un privilegio,hanno ignorato i nostri referendum ,hanno fatto i loro giochi,passato le giornate a curare i loro interessi.Anche a me farebbe paura il rifiuto del confronto,l’organizzazione poco aperta di un movimento,le urla ecc.Ma un po’ ci volevano,con certi filibustieri non vale parlare.Ho letto con interesse quanto dici della differenza fra Sicilia e fare il Governo,ma come dice Camilla c’e’ ora gente nuova e giovane in Parlamento ,spero BENE non si pensi di ignorarli da parte di una vecchia classe che non puo’ e non deve farsi i soliti accordi.Non vedo l’ora di vedere un new deal,un programma come in Belgio(io voglio il governo ma come non-governo non e’ stato male..),un rigore che un tempo si diceva britannico.Ciao,a presto

    "Mi piace"

  11. Cara maria-teresa ci hai ricordato il caso del Belgio che è rimasto senza un governo per tanto tempo. Insomma: è già successo altrove. Ma le differenze sono enormi. E se non volessimo ammetterlo ce lo ricordano gli altri. Basta pensare alla copertina sarcastica dell’Economist di dopodomani sui risultati delle elezioni in Italia: una copertina peggiore di quelle due precedenti su Berlusconi: http://www.internazionale.it/immagini/italieni-2/2013/02/28/foto-151080/

    "Mi piace"

  12. Mi piace il pezzo di oggi di Michele Serra nella rubrica “L’amaca” che vi riporto:
    “Vedremo (e sentiremo) cose che voi umani non avete mai visto e sentito. Decida ognuno se spaventarsi o gioire, la sola cosa certa è che le chiuse del tempo si sono spalancate di colpo, dopo molti anni di stagnazione. Quando Grillo candida al Quirinale Dario Fo che candida Carlo Petrini, chi storce il naso si domandi se lo storce perché ha a cuore le sorti della Repubblica o perché ha a cuore solo le proprie abitudini e le proprie categorie di giudizio. Spetta a tutti, di qui in poi, uno sforzo gigantesco per evitare le due evidenti maniere di diventare patetici. La prima è manifestare raccapriccio e sgomento per ognuna delle tante nuove cose con le quali ci toccherà fare i conti (e saranno anche conti con noi stessi). La seconda è manifestare entusiasmo a prescindere, come chi si accoda al nuovo solo per il terrore di sentirsi vecchio. Siamo in mezzo a un’onda di piena, nuotare o annegare è questione disfumature.© passando poi ai nostri libri piu’ belli del 2013 segnalo:
    – Sofia si veste sempre di nero di Paolo Cognetti
    – Mr Wonderful di Daniel Clowes (fumetto)
    saluti a tutti.

    "Mi piace"

  13. Rispondo a dani (a cui avevo regalato, in un primo tempo virtualmente, poi fisicamente, i due libri di emanuele tonon): concordo con le tue valutazioni; anche secondo me la prima parte del NEMICO e LA LUCE PRIMA sono le parti più riuscite e più interessanti della trilogia (in particolare la luce prima). E sono d’accordo nel non avervi trovato speranza, ma solo disperazione. Sono due libri cupi, claustrofobici (in particolare il secondo). E non è un bene, nel senso che in un libro, io almeno, ci voglio trovare oltre alla disperazione, se non un insegnamento, un riscontro su ciò a cui si aggrappa il protagonista (in questo caso lo scrittore stesso, in quanto romanzo autobiografico) per andare avanti. Alla fine a qualche cosa uno si deve attaccare per non suicidarsi … forse la scrittura? Forse emanuele tonon è più un uomo che crede nel dovere piuttosto che nella felicità? Non è dato sapere … E’ anche vero, però, che tonon stesso in un’intervista ha dichiarato che come lettore e come scrittore cerca ciò che colpisce, ciò che ferisce (ed è in buona compagnia, anche kafka diceva ” ‎il libro deve essere l’ascia che spezza il mare ghiacciato che è dentro di noi”) non ciò che consola. E’ una sua scelta ragionata e consapevole e non va sindacata. Quando io avevo deciso di regalarti due romanzi avevo scelto tonon perché sapevo essere credente, ex frate francescano (anche se la sua religiosità è critica e un po’ delusa, ma lui afferma di credere ancora) e ti avevo letto citare il cardinal martini … non era una scelta molto ragionata, ma istintiva. Non te li ho regalati per parlarti di me, altrimenti avrei scelto camere separate di tondelli (nel carattere di tondelli e nella sua visione del mondo sì che mi rispecchio). Io a tonon non mi sento tanto affine … anche se è una persona e uno scrittore che ammiro e stimo. Tonon è un’anima in pena che fatica a trovare il suo posto al mondo e infatti ha cambiato tanti lavori, tanti posti. Adesso che me l’hai ricordato mi è venuto in mente che cita Merton (che tu mi hai consigliato di leggere). Mi sono procurato LA MONTAGNA DALLE 7 BALZE e sono già a pagina 200, quando diventa comunista. E’ un libro che mi sta piacendo molto e sono curioso di vedere come a va a finire (l’unica cosa che fatico a leggere sono le sue riflessioni più strettamente religiose, ma sono poche, il più è il racconto della sua vita e della ricerca della sua “strada”: si può dire che è un romanzo di formazione?). E’ un libro completamente diverso da quelli di tonon: è arioso, mentre quello è claustrofobico, merton viaggia, fa cose, mentre tonon sta chiuso in casa con la bottiglia, in merton vedo luce e positività, in tonon è tutto dolore e buio. Mi sta piacendo e ti ringrazio del consiglio. Leggerò anche i diari della Hillesum (di cui già avevo sentito parlare) e che proprio ieri, in un altro blog, mi è stato consigliato da una buonissima lettrice. Ancora due cose per dani, semi-private: quando mi hai detto dove abiti ho scoperto che sei vicina di casa del mio adorato marco drago di cui ho letto un paio di libri notevoli. E poi: eri tu che qualche giorno fa hai scritto che ami cesare cremonini? Io sono 2 giorni che ascolto solo in loop LA NUOVA STELLA DI BROADWAY, uno che ascolta cremonini può essere come tonon? 😉
    provo a inserire anche il video ma non so se riuscirò a mettere il codice … il blog è vecchio, non ha nemmeno la funzione dell’anteprima … luigi non si può ammodernare il blog?

    se non è venuto il video cercatelo in youtube: ve lo dedico e buon proseguimento. Io di politica non parlo, sennò finisco a litigare e non mi va.

    "Mi piace"

  14. @Stefano, caro Stefano, il blog – *come sicuramente hai notato*, è su wordpress.com, il che significa che è la versione *più nuova* che wordpress metta a disposizione.
    D’altra parte, *come sicuramente hai notato*, il video si vede. Succede infatti che tu avessi usato dei tag che non vanno bene su wordpress.com – probabilmente vanno bene per altre piattaforme. Su wordpress.com., quindi anche qui, la sintassi da usare è:
    parentesi quadra youtube=indirizzoyoutube chiusa parentesi quadra – e il video si vede; del resto si vedevano lo scorso anno, due anni fa, tre anni fa, quattro anni fa…

    un abbraccio

    ciao ciao
    ps
    parla pure di politica che tutti hanno diritto al rispetto

    "Mi piace"

  15. Ciao a tutti,
    spendo una parola a favore di Gabrilu, che da tanto frequenta il blog, con punti di vista che mi appaiono sempre argomentati, sempre ricchi e illuminanti, anche quando non sono d’accordo con lei.
    In questi giorni le sono particolarmente grato per il commento con le indicazioni di letture che sta riprendendo in questi giorni (Canetti ecc). Mi sembra che il suo ragionamento aperto a diverse risposte e alla volontà di capire approfondendo sia esattamente quello che ci serve.

    Saluti a tutti

    "Mi piace"

  16. @Dani posso mettere mi piace sul tuo post? sempre chiara prescisa intrnsigente.
    @stefano dopo cremonini puoi parlare anche di berlusconi, ti sarà perdonato tutto (quasi)
    PS: pensavo fosse sacrilegio mettere della musica (e che musica) su questo blog.

    "Mi piace"

  17. Antonio: di berlusconi non si può che parlare male … io questa volta non ho votato. Avrei voluto Renzi, alleato con Casini, putroppo anche con Monti, in un’alleanza che avrebbe garantito meno sui temi etici (matrimonio gay, testamento biologico, legge 40 – ma io non sono così sicuro che bersani e vendola facciano qualcosa in questo senso, e se il matrimonio gay il pd non lo fa con vendola a quel punto può spararsi -) ma una sicura governabilità. Per qualche giorno avevo pensato di votare FARE ma mi sono ricreduto presto, ben prima dello scandalo giannino. Io sono un ex comunista, oramai definitivamente democristiano. Con la sinistra ho chiuso. Grillo non lo voterò mai perché è troppo populista e troppo autoritario. Quello che non sopporto più della sinistra è il complesso di superiorità. I comunisti fanno troppo discorsi da anime belle, ma il più delle volte è solo ipocrisia. Restiamo in ambito letteratura: i più grandi scrittori erano tutti dei conservatori, nessuno era comunista. Le menti più aperte e brillanti non stanno da quella parte. Io mi sono defilato e sono sempre più convinto di avere fatto la scelta giusta (altra questione: io sono filo israeliano, non palestinese). Sono stato radicale, ma oramai i radicali sono un partitino che conta più nulla con una legge elettorale così. Penso che alle urne non mi vedranno magari anche più. Per me poi in soldoni non cambia nulla, nemmeno se vince maroni.

    "Mi piace"

  18. @Stefano. Quante cose da dire.. Dunque il commento di Cremonini non l’ho fatto io. Lui mi piace abbastanza, trovo che col tempo migliori e maturi sempre più artisticamente. Diciamo che nella mia top ten cantautoriale sulla vetta sta Battiato, poi Fossati e Bersani…. Più tardi con calma ascolterò la canzone che hai postato. Poi, Marco Drago non l’avevo mai sentito nominare ed è incredibile visto che è nato a un tiro di schioppo da me, è suppergiù mio coetaneo e ha fatto il mio stesso liceo. Sono sbalordita!! Dovrò rimediare.
    Certo che per colpire a suon di scrittura Tonon centra il bersaglio.
    Riguardo a Merton sai cosa mi piace del libro che stai leggendo? La strada tortuosa che lo porta alla clausura. Io ogni tanto leggo vite di santi (tanto per farmi un po’ di bene) e ho letto quella di S.Teresa di Lisieux…Un cammino spianato verso la santità da una famiglia in cui madre e padre erano due religiosi mancati, le sorelle tutte suore. Difficilmente poteva nascervi una galeotta…Un esempio inarrivabile, inaccessibile, quasi lontano dalla povera umanità dolente. Sento quindi vicino chi vive al suo interno lotte profondamente umane come quelle di Merton o di Sant’Agostino (Mai letto le Confessioni? altra lettura che ti consiglio). Penso d’altronde che chi ha vissuto dentro di sè il peccato, la tentazione e la lotta possa capire davvero le sofferenze dell’uomo.
    Come ti dice Luigi parla liberamente di tutto. Credo che mia cognata abbia votato Berlusconi (non indago troppo) ma non per questo le voglio meno bene. Quindi non so come la pensi tu, ma esprimiti se ti va.
    Un abbraccio, Dani

    "Mi piace"

  19. Della serie oggi non ho niente da fare adour
    @Dani : ha detto come la pensa, manca solo se è a favore della bomba all’idrogeno o va ancora bene quella al plutonio 🙂
    @Stefano : se era per stupire,mi hai stupito,ma complimenti per la tua estrema franchezza. Concordo sui temi etici che dovranno essere affrontati e risolti senza più celarsi dietro la chiesa,eh si anche sulla superbia di certa sinistra. Per le altre cose sono le tue idee per cui le rispetto.
    Una domanda quanti anni hai?
    PS: se dicevi qui,che NON leggi repubblica ,sarebbe successo un pandemonio 😉

    "Mi piace"

  20. @adour
    Mi dispiace, ma questa volta sono dalla parte di Gabrilù, e non per il modo in cui abbiamo votato, io e lei probabilmente diversamente da te.
    Lasciatelo dire in tutta amicizia: a me pare questa volta tu abbia “pisciato fuori dal vaso” 😉
    L’analisi di G. mi sembrava ragionevole: anche a me pare che molti dei grillini stessi non abbiamo gradito il modo in cui Grillo sembra (per il momento) voglia liquidare qualsiasi tentativo di Bersani di dialogare con lui. A me pare che alcuni punti di contatto possano esserci, almeno per giungere a qualche riforma di base largamente condivisa (legge elettorale, dimensioni delle Camere, costi della politica, conflitto di interessi, patrimoniale, ecc.) in modo che se si andasse a rivotare presto lo si potesse fare in condizioni diverse, e non esattamente come oggi (e se si ripete lo stesso voto?).
    L’alternativa è spingere Bersani all’orribile inciucio con il PDL (e inorridisco all’idea), e riterrei anche io Grillo il principale responsabile della sopravvivenza dell’incubo dell’innomminabile nella nostra scena politica nel momento in cui potrebbe finalmente essere fatto definitivamente fuori.
    In un’occasione storica nella quale Grillo potrebbe ritagliarsi un ruolo da protagonista (sarebbe lui a tenere Bersani per le palle, e non il contrario), il rifiuto sarebbe la prova che anche lui ragiona solo Pro-domo sua, per i propri interessi di partito, esattamente come nella “vecchia” politica.
    Io non sono un fedelissimo del PD. Di fronte a scelte responsabili di M5S potrei anche dispormi a votarlo in una prossima occasione. Al contrario, di fronte all’idea che “tutto ciò che non è Grillo” è tutto uguale e merita solo disprezzo, avrei la conferma che votarlo sarebbe per me mettere al timone del paese un pericolosissimo avventuriero.
    Condivido poi in pieno il discorso di Gabrilù sulle “masse”. Non per “demonizzare” la piazza dei Grillini, ma per mettere in luce i limiti e le debolezze stesse della democrazia, in quanto che le masse siano facilmente manipolabili mi pare un fatto storicamente assodato: Hitler non salì al potere con un colpo di mano, ma dietro libere elezioni, ed anche il nostro fascismo in fondo prese il potere con largo consenso popolare. E dopo la guerra l’Argentina di Peron ?
    Tutte esperienze che si rivelarono disastrose. La Piazza ha due facce. Ha il suo indubitabile fascino, e spesso è risultata l’unico luogo “visibile” in cui poter esprimere l’indignazione e il dissenso (diritti sacrosanti). Ma spesso è risultata anche un luogo pericoloso per la democrazia stessa (io, che frequentavo quelle “calde” dei primi anni ’70, me ne accorsi intorno ai 17-18 anni, sentendomi d’un tratto un cretino in un corteo dell’ultrasinistra che allora andava di moda, a scandire slogan che improvvisamente mi parvero vuoti e del tutto privi di una vera ragione).
    Da anni poi si discute su come il solito innominabile abbia avuto la capacità di creare dal nulla il proprio consenso politico proprio grazie al potere mediatico di cui disponeva. E perchè sennò anche Grillo stesso dovrebbe riconoscere la necessità di una legge sul conflitto di interessi ?
    Scusate la lunga disquisizione. Spero di non avere offeso nessuno, e in special modo i grillini, sui quali in questo momento ho riposto le mie speranze che la novità di quest’occasione possa essere colta per (almeno) avviare il cambiamento. Se così fosse me ne scuso fin d’ora.
    Un saluto al focoso Adour, e anche a tutti gli altri, partecipanti o no, a questa discussone politica, inconsueta in questo luogo.

    "Mi piace"

  21. in medicina si chiama agarofobia.
    Non importa @carloesse dove si pisci l’importante non sui pantaloni. 😉

    Ancora le piazze le masse,la lezioncina di storia ?io penso di essere stato chiaro.
    Non mi è piaciuto,il tono e i termini della signora Gabrilù e le ho risposto in maniera cortese senza alcun giudizio sommario (se non l’intuizione che appartenesse al pd) ma non pensavo fosse un offesa cosi grave o si.
    Buona serata e attenti al vasetto.;)

    "Mi piace"

  22. Agora-fobia,agora’ piazza.-ma e’ altra cosa-Grazie Gabrilu’ per il tuo bell’ intervento,grazie per il tempo che ci hai dedicato per costruirlo.ciao a tutti

    "Mi piace"

  23. neanche in piazza, se è per questo. Duemila anni fa un imperatore romano inventò appositamente i cessi pubblici (che da lui presero il nome).
    🙂 .:-)

    "Mi piace"

  24. Forse è inconsueta la discussione politica in questo luogo, carloesse, ma non è fuori luogo. In fondo, si sta puntualizzando come la lettura sia necessaria e utile per capire questo momento : se esso sia una cosa nuova o una riproposizione di tempi gravi.
    Cosa, se non la lettura di articoli, di testi può aiutare a paragonare? Perchè sono il paragone e il richiamo che aiutano a relativizzare e quindi ad evitare di cadere negli assoluti del ” bene” contro il “male” . Quindi la storia e il passato e le voci che hanno chiarito e illuminato i fenomeni.
    Ai libri che ha suggerito Gabrilu aggiungerei anche un romanzo, “VITA E DESTINO” per rileggere come sia facile scendere piano piano verso il giustificazionismo terribile, come sia facile non capire. Per il “bene” si accetta ogni cosa ( e la vita di Grossman ne è un tragico esempio).
    Insomma, la obbligata attenzione a questo cambiamento ci impone di guardare tenendo ben fermi quei capisaldi della nostra democrazia che sono le istituzioni. Non sono queste che devono cambiare, ma i partiti che non le hanno sapute ben usare : se si cambiano le istituzioni, la democrazia diventa un’ altra cosa. E la storia ci ha insegnato “cosa”. Buona notte.

    "Mi piace"

  25. Una piccola curiosità: quel William Blake di cui parla Cremonini nella prima strofa della canzone era il poeta preferito da Thomas Merton a dimostrare come i nomi degli scrittori tornano e possono essere rintracciati un po’ qua e un po’ là, nella cultura alta e in quella bassa.

    "Mi piace"

  26. @ Ho perso il filo di questa fase di discussione, tra massimi sistemi e vespasiani. aiuto!! Io non ho votato 5 stelle ma, visto lo splendido risultato di adesioni giovanili (per l’Italia si è “ragazzini” fino agli anta avanzati)non posso non pensare che ci sia stata una “primavera italiana” sbalorditiva e, di per sè, magnifica, . Poi cosa succederà non si sa. Ma bisogna capire la potenzialità di questo risultato: potrebbe davvero risanare la politica marcia, ormai endemica, in cui ci si dibatte da troppo tempo. E non sarà colpa dei 5stellati se non si vorrà o si saprà approfittare di questa rivoluzione tra rete e piazze ,troppi vecchi maestri, illustri e non, in giro, che non possono comprendere, anche in buona fede, questa trasfusione di sangue sano finora inaudita.Insomma si continua a giocare con carte truccate, dove si bara alla faccia del paese.
    Ma bisogna anche vivere e io spero tanto che si possa tornare, magari col cuore in tumulto, alla lettura e al confronto su qualcosa di meno magmatico e incontrollabile.
    @adour – perchè mi hai chiamata odette? Devo proprio sembrarti molto ignorante e stupidona. Dai su, antonio, rimetti le faccine sorridenti. C’è di peggio al mondo delle nostre eterne italiche tramacce politicanti.
    @- Mariateresa –ciao e a presto.

    "Mi piace"

  27. A @camilla
    Avevo pensato di prendere una pausa dal blog,visto che le mie opinioni possono provocare disturbi della mira minzionale o metafore a me smbrate inopportune se non volgari. Ma a te dolce camilla devo una risposta. Perché per me tu sei un pezzo raro di questo blog. E così, non mi invento nulla.

    Mi riferivo all’amore di swann,odette ma non a Odette de Crécy,come personaggio. Avrei poturo chiamarti Francesca o giulietta e mai noiosa. Mi hai regalato 2 libri lampi e questo consentimi “terribile” terribilmente bello PARLAR DA SOLI . Molte persone compreso me si sono ritrovate o si ritroverebbero,nella storia di elena,non quella passionale,ma quella di aspettare insieme alla persona cara che sopraggiunga la morte. E ti ritrovi nella vita,nella professione. E poi mi sono perdutamente innamorato di elena.Mi piacerebbe parlarne con te o a voi .
    Un (assai) abbraccio

    "Mi piace"

  28. @adour, vorrei poter dire qualcosa anche io sull ULTIMO TESTAMENTO di james frey ma ho da tempo il computer fuori uso e sto scrivendo alla meglio con il telefonino.
    Non vorrei che si pensasse che io leggo e consiglio un libro erotico, cioè solamente erotico. Vedi, io sono atea da sempre e per sempre e quindi meno sensibile di te su certi argomenti. Dal mio punto di vista ben zion ama veramente e profondamente il suo prossimo e soprattutto i più poveri ed emarginati. Se poi questo amore si manifesta anche sotto forma di sesso non mi disturba affatto. . Stai sussultando? Ti sembra una enormità da parte della tua ex musa?
    E non solo, anche secondo me dio, sempre che esista, non si interessa a noi, la bibbia, che ho letto per intero ha con gli anni perso il suo valore, la vita che abbiamo è solo questa e poi ci sarà il nulla. Questo è quanto sostiene Ben ed è anche il mio pensiero.
    Forse avrò urtato qualcuno ma questo è solo i l mio convincimento
    . E non sai quanto vorrei essere smentita!

    "Mi piace"

  29. @paola : Magari mi scandalizzassi,purtroppo sono impenitente.

    Ed ecco la mia musa!…”e poi ci sarà il nulla!!! ”

    Io non ce la faccio a vivere in un mondo cosi pieno di sofferenza ovunque e ovunque mi volti e pensare che dopo,”il nulla”Ma questo non vuol dire che non me lo chieda,sempre!
    Non ho mai detto che si tratta di un romanzo erotico,ma che nel tratteggio del nuovo messia di aver visto in ogni definizione/contraddizione di un insegnamento cristiano una carnalità (non saprei come altro chiamarla) che ho definito eccessiva,che spesso non comprendevo e non ho compreso. Per esempio perché durante la cena in famiglia “il ritorno all’ovile”,quella festa viene trasformata in tragedia,perché davanti alla madre,che ha già sofferto mille umiliazioni,alla giovane sorella,perché destare l’ira di jacob se non per sfida.
    Perchè ogni “rivelazione” del messia aveva come conseguenza,sempre,un piacere carnale dei sensi?Ma assolutamente senza nessuna forma di erotismo (magari!!!)solo lo ripeto carnalità. Ecco avrei voluto capire di più,senza zavorre etico religiose,per questo ti ho chiesto aiuto.
    ora davvero non disturbo più.

    "Mi piace"

  30. Io sono del ’71, millenovecento ovviamente, anche se a volte mi sento un po’ ottocentesca. Se non mi “sentite” è perchè l’argomento non mi è congeniale, ma io vi ascolto e leggo.
    Ciao.

    "Mi piace"

  31. …ma su signori, non facciamo i permalosi, non facciamo gli offesi, questo è un blog pieno di belle idee dove si confrontano persone civili e simpatiche….siamo lettori!!! scusate, ma non è da tutti (purtroppo)! perciò non chiudiamo i post con “tolgo il disturbo” più volte scritto da qualcuno! Ma quale disturbo! ….ed ancora, forse perché sono romana e gli ultimi omaggi per l’anniversario della scomparsa del grande Albertone mi fanno dire: “ma della pizza, amici, non si parla più?” 🙂
    p.s.: mi manca da leggere le ultime 100 pagine di 1Q84! ….e dopo non avrò nemmeno più Aomame e Tengo!

    "Mi piace"

  32. Ciao a tutti.Il nuovo che avanza ci ha reso impazienti ma per ora mi sembra che dobbiamo aspettare.Come scritto sulla STAMPA..’il bersaniano parla di Grillo,il berlusconiano parla di Grillo,Grillo,lui ,parla solo con la stampa estera(e li’,infatti, non urla-non occorre?)e sul suo blog,che i tgg inquadrano come fosse una persona.Ogni frase scritta li’ sopra schiude e richiude scenari.Qualche politico gli risponde anche,poi si scopre che non e’ lui a scrivere,ma un suo amico’.Travaglio fa notare che destra e sinistra sono gia’ insieme,appoggiando finora Monti..Intanto che aspetto,mi piace il libro di Barbara Spinelli ‘UNA PAROLA HA DETTO.. ‘ LATERZA ,sull’importanza del confronto ,della pluralita’ di voci.Casomai si cadesse nella tentazione di pensare com’ e’ bello avere una sola idea,giusta per il progresso,pace,ecc.@Camilla,ha concetti terapeutici!

    "Mi piace"

  33. Andate a guardarvi su youtube o sul sito del corriere il video dell’intervista fatta a un certo bartolomeo pepe, neo senatore del movimento 5 stelle … il bartolomeo ha fatto una figura meschina, non conosce nemmeno il nome del palazzo che ospita il senato della repubblica. Forse è quello il motivo per cui grillo ha vietato ai suoi sudditi di apparire in tv. Un conto è l’inesperienza, un altro è l’ignoranza. Si è sempre detto che i grillini erano meglio del loro capo, ma adesso che si comincia a conoscerli ci si sta rendendo conto che ci hanno preso per i fondelli un’altra volta. Mi appello a voi che leggete i libri: volete essere rappresentati da bartolomeo pepe? 😦

    "Mi piace"

  34. In confr. a Scilipoti e de gregorio e Berlu. Maroni e Bossi, e cose tremende, cosa sarà mai qualche ingenuità da qualcuno che , almeno fino ad oggi, non ha fatto niente di male .

    "Mi piace"

  35. Ah beh, chiamale ingenuità … se a Bartolomeo aggiungi Grillo che non sa che prima si dà la fiducia a un governo, poi si votano le leggi … se a questi due aggiungi un certo bernini (25enne pony express di bologna) che in un’intervista dice di aver scoperto la politica in un documentario in rete (zeitgeist, che deve essere una cosa demenziale e imbarazzante sui complotti) a me comincia a venire qualche dubbio. Non è che questo 5 stelle è un’armata brancaleone formata da peones, figli dei fiori e amenità varie. Speriamo di no, ma io qualche dubbio ce l’ho e sono solo due giorni che sono venuti allo scoperto.

    "Mi piace"

  36. @ Tutti….
    Ci mancavo anch’io, ho provato a non farlo, ma non ci sono riuscito, così esprimerò le mie scempiaggini.
    Che bello ieri, dopo tanto frastuono cacofonico, le parole sussurrate di amore ed obbedienza di un piccolo uomo vestito di bianco e le facce commosse e serene di migliaia di persone…ma ora ributtiamoci nella mischia. Sarò sincero,in un forum di lettori, mi aspettavo una discussione meno manichea, nessun dubbio (beati voi) i buoni stanno di qua, i cattivi di là, c’è persino Dani, scusami se non fossi tu, che ha una cognata che forse ha votato Berlusconi, che donna orribile deve essere! Premetto, io ho votato il gigante e la bambina, mi sembrano due persone per bene, ma ho avuto dubbi fino all’ ultimo istante su 5S, così sono contento che il Movimento abbia preso (parola, da me previsto) un ottimo 25% che costringerà tutti a prendere subito alcuni provvedimenti, pena per loro, vedere 5S al 51% a breve tempo. Se ho capito bene, poi c’è qualcuno che non legge Repubblica…ahi, ahi, siamo proprio messi male!
    Con il mio più caro amico, fin dai tempi delle superiori, ho sempre discusso vivacemente, lui comunista integrale (servizio gratuito ai festival dell’unità), io liberale convinto, abbiamo discusso anche a cena due settimane fa, sempre in disaccordo (tranne la Sampdoria) eppure per me, lui è la persona migliore che conosca e così spero pensi lui di me. A queste elezioni anche lui ha votato per Grillo, spera in un mondo più giusto, lo auguro a tutti noi.
    Luiginter è rimasto afasico per un giorno, alla elezione di Maroni, so cosa prova, noi a Genova rimaniamo afasici ad ogni elezione del Sindaco, da 50 anni di sinistra o centrosinistra, chiunque esso sia, basta sia indicato dal partito. Ora è un nobile, D’Oria, che non paga l’IMU perché la sua residenza è una villa storica! Così Genova, una volta il più grande porto del Mediterraneo e secondo in Europa, è una città in disarmo, passata da 850.000 abitanti a poco più di 600.000 con un reddito pro capite superiore solo alle regioni del Sud (ultima fra quelle del nord e del centro) e i Camalli (portuali) in pensione a 42 anni ( ne conosco parecchi) e con molte aziende che si sono trasferite.Io ho avuto la sventura qualche anno fa, di accompagnare la mia giovane cognata, malata di tumore, al “Umberto I” di Roma, qualcosa di simile al terzo mondo, una stanza d’ attesa di 15 mq e la sala del primario con solo due seggiole. Poi in un viaggio , inutile purtroppo, della speranza, siamo andati a Milano al IEO, sembrava un albergo di lusso, forse la sanità Milano non è stata amministrata poi così male. Ambrosoli è una brava persona? Non ho motivo di dubitarne, non lo conosco personalmente, così come non conosco Maroni, chissà cosa c’è nel loro cuore?
    Ricordo nitidamente un racconto di Paola “Polissena” sulla grandissima R.L. Montalcini, le sorprese sono sempre dietro l’ angolo…a proposito, Paola, come puoi dire “per sempre” non c’è ambito della nostra vita nel quale si possa con certezza dire “per sempre” e siccome sento di volerti davvero bene, mi auguro che tantomeno, lo sia in quel particolare ambito…faccetta che sorride…
    Cosa penso? La cosa più banale del mondo, sono gli uomini a fare la differenza, onesti o no, e questi ci sono dall’ una e dall’ altra parte e per concludere la cosa ancora più scontata, ma che deve essere sempre al primo posto “ io non la penso come te, ma mi batterò fino alla morte, perché tu possa esprimere la tua opinione”
    Scusatemi per la lunghezza, ma…ora mi taccio
    Un abbraccio

    "Mi piace"

  37. se invece di Bartolomeo Pepe le stesse cose le avesse dette un esponente della destra, l’avreste condannato senza alcuna attenuante d’ingenuità..

    "Mi piace"

  38. @Ennore
    caro amico/nemico, cugino (c’è tempo ancora per il derby), è vero che i buoni e i cattivi stanno da tutte e due le parti, ma a me pare che da una in particolare di “cattivi” ce ne siano molti di più. Basta semplicemente fare la conta degli indagati, dei condannati, degli inquisiti. E’ non mi pare manicheo stare a contare e tirare le debite conclusioni (possibilmente senza tirare in ballo il “partito dei magistrati” e sciocche dietrologie complottistiche di questo genere).
    Basti poi vedere anche quanti volti nuovi porta in parlamento il PD, quante donne (e sono in qualche modo in gran parte stati scelti dagli elettori, con le primarie) e quante stesse facce (molte impresentabili) sono state riportate ad occupare li consueto scranno dal PDL. (basti pensare a Scilipoti, che probabilmente non è neanche il più disonesto: ma è stata una scelta di spessore politico ricandidarlo, o forse qualcuno doveva “sdebitarsi” ?).
    Molte facce (aimè) sono rimaste anche nello stesso PD, ma in linea di massima dire che “in fondo sono tutti uguali” per me è una semplificazione piuttosto sciocca, ingenerosa, e “di comodo”. Qualcuno “è più uguale” di qualcun altro. E non è il leggere Repubblica (e se lo leggo non è che debba prendere per vangelo qualsiasi cosa dica) che ce ne convince. Basta leggere gli elenchi degli eletti, del parlamento di prima.e di quello di adesso.
    Per il resto aspetto di vedere, con grande curiosità (come ho già detto), quel che succede. Sono tutt’altro che un militante (certamente vagamente un sinistrorso, ma “cane sciolto”, e nella mia lunga carriera di elettore ho votato di tutto: PRI, Radicali, PSI, PSIUP, e talvolta anche scheda bianca) e sicuramente un deluso (e non da ora) del PD. Dal quale mi aspetto (come minimo) una serie di dimissioni a catena: non solo quelle di Bersani, ma di tutta la dirigenza politica. Disposto anche a votare M5S ad una prossima occasione, ma solo se si dimostreranno capaci di prendere decisioni responsabili e sagge in un momento difficile come questo: una vera prova.
    Ciao, e, affettuosamente, salutame un po’ Zena (mentre io intono “ma se ghe pensu….”).

    "Mi piace"

  39. Un dettaglio sulla discussione delle masse? Ma avete visto come è composta la massa dei grillini? Variegata, trasversale e direi “accogliente”. Se qualcuno ha visto servizio pubblico si sarà reso conto di come ne facessero parte delusi di varia provenienza politica, poveracci, esodati (difficilmente un insieme così eterogeneo può cadere preda di reti dittatoriali). Diciamo che Grillo ha molto strillato, ma ha saputo anche ascoltare, cosa che nessun altro ha saputo fare, tutti arroccati nei propri apparati. Personalmente osservo, tengo accesa la fiaccola dell’attenzione e mi riservo di giudicare i fatti… ma ho per la prima volta un sentimento di speranza che, quando votavo a naso turato PD e affini, non mi animava.
    @Stefano.. in effetti hai stupito, ma le tue idee sono sacrosante e da una che vuole bene alla cognata berlusconiana, che al di là della fiducia per quell’individuo inqualificabile, è un’ottima persona, non può che essere confermato tutto l’affetto. Solo una domanda (ma che ne pensi delle espansioni continue e ammetterai provocatorie dei coloni israeliani?). By the way, tanto per non scordare le letture se ti va leggiti il breve saggio sul fanatismo di Amoz Oz che sul conflitto israelo-palestinese ha un’opinione saggia ed equilibrata (e lui là ci vive, mentre noi ne parliamo a distanza).
    Io non leggo Repubblica, nè altri quotidiani. Me ne manca il tempo.. Posso ancora far parte del gruppo?
    Ciao

    "Mi piace"

  40. Dani, ovviamente sono contrario alle espansioni dei coloni israelani, ca va sans dire … come sempre, il bene non sta tutto da una parte e il male dall’altra. Però la mia simpatia e il mio sostegno vanno agli ebrei. Di amos oz ho letto lo straordinario STORIA DI AMORE E DI TENEBRA e in quel romanzo c’è già scritta tutta la storia d’israele come realmente è stata, non come la racconta la propaganda comunista più vicina alla sinistra massimalista e ai centri sociali. In palestina gli ebrei non hanno rubato le terre ai palestinesi ma sono stati gli arabi che gliele hanno vendute. Lo stato di israele è stato riconosciuto e legittimato dall’onu e, subito il giorno dopo, i paesi arabi confinanti hanno deciso dovesse sparire dalla cartina geografica. Se premettete fanno bene a volersi difendere … adesso in palestina governano gli estremisti di hamas che sono contrari al dialogo. E i misilli su Sderot o come cavolo si chiama quella città israeliana? E poi: come si fa a dire che gli ebrei stanno facendo sui palestinesi una shoah? Ma le parole hanno ancora un senso? Una cosa è certa: gli ebrei sono il popolo più intelligente del mondo (basta guardare i geni che appartengono al loro popolo, da freud a einstein a roth a allen …) mentre i palestinesi non sono un popolo evoluto. Vivono fianco a fianco e mentre israele è un giardino loro non sono ruisciti a rendere coltivabile nemmeno un pezzettino di terra grande come l’orto di mio nonno. Gli ebrei sono intelligenti perché leggono, studiano e discutono la torah fin da bambini e se i palestinesi sono arretrati la colpa è loro: io sono stufo del loro vittimismo. E da quando finalmente ho aperto i miei orizzonti mentali e ho chiuso con gli schemi mentali del comunismo ho inizato ad apprezzare e a considerare i meriti (della gente, dei popoli) non il fatto di essere svantaggiati. Io non mi schiero più con gli ultimi in modo ideologico, io adesso sto con chi si merita la mia stima (qualcuno qui nel blog tempo fa aveva incensato joe sacco: ecco secondo me, la grapich di joe sacco è quanto più vicino alla disonestà intellettuale si possa mai immaginare. Da ribrezzo).

    Letture: stamattina ho iniziato un gioiellino di libro: LE PICCOLE VIRTU’ di natalia ginzburg, un volumetto di poco più di 120 pagine che raccoglie suoi articoli apparsi su riviste. Sì, ma scordatevi la prosa dei giornalisti: queste sono perle rare. RITRATTO DI UN AMICO, uscito nel 1957 sul radiocorriere (questo giornale mi ricorda la mia infanzia), è il ricordo commosso e appassionato che natalia ha dedicato a cesare pavese di cui era amica. Non vi dico che è un gioiello, vi dico che sono tra le pagine più belle scritte in italia nel 1900.

    "Mi piace"

  41. — il fallimento dei governi degli ultimi 20 anni ha trovato, ora e non mai prima di ora, una grande parte di cittadini che pretende , attraverso il 5stelle, una forte modifica del sistema, marcio, della politica italiana.Non sono tutti uguali, questo è certo caro carlo, ma sicuramente non ci sono innocenti. Insomma Cassandra, in questo momento, spera, tanto. Poi forse , tornerà a vedere solo sventure.Cambiare è possibile, lo dimostra il vecchio papa che SE NE è ANDATO VIA! Cosa mai vista prima eppure è accaduta.
    @adour – che felice che mi sento quando mi dici che LAMPI ti è piaciuto tanto, non è da tutti! ci vuole una raffinatezza e una leggerezza e un raro senso estetico per apprezzare veramente Echenoz e quindi per capire tante più cose , in generale, acutezza, luce, non so, Quanto a Elena, nel bel romanzo PARLARE DA SOLI è una figura sublime.Una figura che mi sembra di conoscere fino all’ultima sua cellula. Qualcosa che so. Grazie caro. Per Odette era uno scherzo, certo chi conosce un tantino Proust non può negare che tutte le sfumature degli animi umani sono state analizzate con stupefacente sapienza. Chissà Elena, nella eccelsa scrittura di Proust , chissà quanto ci sarebbe stata musicalmente, poeticamente restituita in tutto il suo splendore umano , femminile singolare. a tutti un saluto affettuosissimo.

    "Mi piace"

  42. @ stefano– leggo ora il tuo post e devo dire qualcosa : le PICCOLE VIRTU’ di Ginsburg è stato per un vangelo. E lo è ancora. e STORIA DI AMORE E DI TENEBRA di amos Oz , è uno dei libri più belli della mia vita. ciaociao.

    "Mi piace"

  43. E’ vero, Ennore, il manicheismo è da bandire, altrimenti non ne veniamo più fuori.
    Da quando ha fatto capolino nella vita politica il signor “b” maiuscola, mio papà se ne è innamorato perdutamente…
    Quanti pranzi e cene a litigare!?

    "Mi piace"

  44. a Stefano: con tutto il rispetto per le tue idee, sulla questione mediorientale, a me sembra che esse siano un tantino confuse. ti invito a chiarirtele o se preferisci a farle evolvere, prima di dare ad un popolo intero l’appellativo di “poco evoluto”! non ti rispondero’ piu’ su questo, perche’ per me e’ ovvio ed e’ chiaro che in questo momento non e’ nemmeno il caso di discutere con te su questi argomenti nei dettagli. infine: la simpatia per i popoli e’ una cosa, e puo’ essere legittima, la realta’ dei fatti e’ ben diversa da come la riassumi tu. se vuoi sono per restar eda una parte sola, leggiti questo: http://www.sololibri.net/La-pulizia-etnica-della-Palestina.html

    "Mi piace"

  45. Vera, ho un’amica ebrea (filosofa) e oggi chiederò di questo Ilian Pappe, ma non mi stupirei fosse uno dei soliti personaggi che vanno controcorrente: c’è gente che dice che l’aids non esiste (e uno di questi è grillo), c’è chi dice che l’attentato alle torri gemelle è stato fatto dagli ebrei, c’è chi nega la shoah e chi nega l’atterraggio sulla luna, ci sta che qualcuno parli di pulizia etnica in palestina …

    Camilla: ti ho sempre considerata donna di buone letture (a proposito: guarda che non sono misogino, era una calunnia come tante …)

    "Mi piace"

  46. @Carloesse
    Amico/cugino, nemico mai. Su “La Repubblica” in realtà hai capovolto il mio pensiero, colpa mia , mi sono espresso male, volevo dire che forse, anche chi non legge Repubblica, può avere una visione critica e non essere indottrinato, almeno così penso io.
    Sul terreno della conta dei buoni e dei cattivi di qua e di la, perdonami , ma non ti seguirò, non per mancanza di rispetto, nei tuoi confronti, ma solo perché l’argomento ci porterebbe troppo lontano , investirebbe la storia dal Risorgimento in avanti e la cultura corrente dominante. Forse non è forse questo il luogo di discussione più consono.
    Ti do un’ informazione che ti farà sognare: in città gira voce su facoltosissimi interessati all’acquisto del Grifone…faccetta triste!
    @Stefano, mi stai simpatico per l’ardore con cui ti lanci, ma concordo con Vera.
    @Dani, fai bene a voler bene a tua cognata, nonostante tutto…
    @ Jezabel, pensa che noia sarebbe darvi ragione sempre l’un l’altro.

    Ancora un libro, l’ottavo, ” Gemelli” di Dorothy Dunnett,poi avrò terminato di leggere la saga di Niccolò, sarà difficile staccarsene.
    Grazie a tutti e un abbraccio

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.