Con che libro avete iniziato l’anno?

L’inizio dell’anno mi impone sempre un pensiero al tempo (cronologico) e l’inizio del 2009 mi ha suggerito anche  la lettura di un libro che sul tempo e sulla sua analisi è (in buona parte) costruito: La coscienza di Zeno di Italo Svevo.

Libro che, sempre a proposito di tempo, (come molti altri) è decisamente più adatto a una lettura in età matura, più matura di quella scelta dagli insegnanti per queste pagine. Ricordo che da giovane, troppo giovane, girai alla larga dalla vera lettura di Zeno… Ora vedremo come va.

E voi che con libro avete iniziato l’anno?

79 commenti

  1. Ho iniziato l’anno con “I cani e i lupi” di I. Nèmirovsky e adesso sto leggendo “memorie di una geisha” di A. Golden

    "Mi piace"

  2. Per natale ho regalato a mia figlia un libro davvero bello, dal titolo “Roma Antica a fumetti”.
    E’ un vero e proprio viaggio alla scoperta dei monumenti più suggestivi di Roma, ma ha una tecnica del tutto particolare, con le ricostruzioni dei monumenti, in fogli trasparenti che si sovrappongono alle immagini dei monumenti nel loro stato attuale: a mia figlia è piaciuto molto, è divertente ed educativo allo stesso tempo; anch’io, leggendolo, ho imparato aneddoti e curiosità sulla vita e la storia di Roma Antica.
    Consiglio il libro non soltanto ai ragazzi, ma anche agli adulti che hanno voglia di fare un viaggio nel tempo e immergersi nell’atmosfera dell’Antica Roma.

    "Mi piace"

  3. Io l’ ho inziato con:

    Storia del conflitto israeliano arabo palestinese: imparziale e scorrevole, documentatissimo.

    La botanica del desiderio Michael Pollan

    "Mi piace"

  4. io ho iniziato con una..prosecuzione: “la donna che giocava con il fuoco” (bello, ma forse nn quanto il primo atto della trilogia di larson, voto 7-).
    ho poi beccato una sola: “l’enigma di parigi” (voto 5 di incoraggiamento).
    però mi son rifatto con “mal di pietre” di milena agus (leggetelo, ne vale la pena. voto 6,5).
    poi è venuto il momento di un autore che adoro, gaianrico carofiglio: “il passato è una terra straniera” (davvero bello, voto 7).
    “la vita quotidiana a bologna ai tempi di vasco” di enrico brizzi, in linea con il suo modo di scrivere giovane e piacevole (voto 6,5).
    ho appena iniziato “pene d’amore” di gianni biondillo e promette bene (7 racconti erotici al maschile…vi dirò presto…)
    buon libro a tutti

    "Mi piace"

  5. Ho finito mare di papaveri, che dire: un grande libro di un grande scrittore, nessuna sospresa, i libri di gosh per me non deludono mai; purtroppo si dovrà aspettare un pò di tempo per leggere gli altri libri della trilogia. Oggi comincerò a leggere un romanzo, che mi è stato regalato di recente, ma che d’istinto non mi ispira più di tanto. “La figlia del silenzio” di Kim Edwards, qualcuno lo ha già letto e sa dirmi se il mio istinto si sbaglia?
    Buona lettura a tutti.

    "Mi piace"

  6. Sto leggendo Brisingr, il terzo del ciclo dellEredità di Cristopher Paolini… non ha molti anni in più di me, ma ha di certo un talento invidiabile. Consiglio di lasciarvi trascinare nel mondo da lui creato, poiché ne uscirete più felici.

    "Mi piace"

  7. Zoe, è della Mondadori. Mi piace perchè è approfondito e scorrevole, e permette di rinfrescare e/o riempire vuoti dovuti ad…ignoranza!!

    Macchè storica, mi piacerebbe molto:-)

    "Mi piace"

  8. Ciao a tutti!
    Il mio 2009 è iniziato con l’ultimare “Il circolo Pickwick” di Dickens, ricco di particolari dell’epoca, minuzioso nei dialoghi, una grande opera.

    Il primo libro iniziato nel 2009 è “Caffè degli anonimi” di Pablo T, un libro contemporaneo, che ha un ritmo di lettura serrato, che con ironia e con pochi compromessi ci apre gli occhi sulle verità odierne.

    Attendo vostri consigli su libri di questo genere.

    Complimenti per il Blog!

    Greta

    "Mi piace"

  9. Ho iniziato l’anno con OH, BOY di M.A. Murail, fortemente consigliatomi ed effettivamente da leggere; ho proseguito con L’IBISCO VIOLA di C.N. Adichie (bellissimo); I GIORNI FELICI di T. Ciabatti (molto carino e con una scrittura giovane e scorrevole); UN BAMBINO PRODIGIO di I. Nemirovsky; e adesso sto leggendo il mio autore italiano preferito: A. Vitali (DOPO LUNGA E PENOSA MALATTIA)…
    Un saluto particolare al Lettoreambulante…

    "Mi piace"

  10. ciao bibliochiacchiere! che bello trovarti qua! contenta che ti sia piaciuto il libro di teresa ciabatti. Su oh, boy e l’ibisco viola non avevo dubbi.

    "Mi piace"

  11. Il primo libro con cui ho iniziato l’anno è E se covano i lupi, di Paola Mastrocola, che per ora mi piace molto, scrittura notevole. Un saluto speciale a Bibliochiacchiere e Lettoreambulante!

    "Mi piace"

  12. Ho iniziato con Durante di De Carlo e sono poi passata alla triligia di Larsson sono al 3°. Li ho divorati am, poi, cosa mi consigliate per superare il legame affetivo per i due protagonisti?

    "Mi piace"

  13. ..Adriana,anch’io sono al terzo libro…e lo sto leggendo a piccoli morsi…lentamente, anche se è molto difficile. Il legame si supera, semplicemente passando ad altro libro, quando avrai finito,…per forza..non c’è altra soluzione..non credi…??? ciao e buona continuazione

    "Mi piace"

  14. HO INIZIATO l’ELEGANZA DEL RICCIO MA A PAG 161 HO INCOTRATO LA PAROLA FORCLUSO, MATEMI E MOLESKINE A PAG 162 NEL MIO DIZIONARIO NON HO TROVATO IL SIGNIFICATO E VOI ???? PERDONATE LA MIA IGNORANZA MA Q.UNO MI SA DIRE CHE SIGNIFICANO ? GRAZIE

    "Mi piace"

  15. Io ho cominciato con American Tabloid di James Ellroy. Tempo fa avevo letto, senza saperlo, Sei pezzi da mille, che è la seconda parte della trilogia (a cui tuttora manca l’ultimo atto, credo).
    E’ stato un inizio di 2009 a base di gangster, tagliagole cubani, avvocati doppio e triplogiochisti, ricattatori, mafiosi, drogati e puttane, tutti a danzare intorno al tavolo dei fratelli kennedy.
    Fantastico.

    "Mi piace"

  16. FORCLUSO: probabilmente sarà il participio di FORCLUSIONE : termine psicologico coniato da J. Lacan, che indica un meccanismo psicologico per cui l’inconscio del malato, invece di rimuovere il “significante” ansiogeno, lo proietta nella realtà sotto forma di allucinazione.
    MATEMI : un MATEMA è l’unità minima di apprendimento; in alcuni casi può corrispondere a un obiettivo didattico, ma più spesso, soprattutto in un approccio comunicativo, ciascun obiettivo comprende più matemi: questa divisione è essenziale in termini di programmazione didattica, in quanto ogni ora di lezione deve avere un numero accettabile di matemi, evitando sia il sovraccarico sia la demotivazione dovuta alla loro assenza.
    MOLESKINE è un taccuino , prediletto da artisti e intellettuali degli ultimi due secoli . Prediletto sopratutto da Bruce Chatwin, che lo chiamava “moleskine”, verso la metà degli anni ’80 divenne introvabile. Nel suo libro “Le vie dei canti”, Chatwin ci racconta la storia del piccolo taccuino nero: nel 1986, il produttore, un’azienda familiare di Tours, chiude i battenti. “Le vrai moleskine n’est plus”, gli avrebbe annunciato teatralmente la proprietaria della cartoleria di Rue de l’Ancienne Comédie, dove era solito rifornirsi. Chatwin comprò tutti i “moleskine” che riuscì a trovare prima di partire per l’Australia, ma non furono abbastanza…
    Tutto merito di wikipedia…ciao da Silvana

    "Mi piace"

  17. X SILVANA: grazie per le spiegazioni più che esaurienti…che scema a wikipedia non ci avevo neppure pensato..ok ora butto il vecchio dizionario e mi butto su Wikipedia…ha ha ha grazie ancora e buona domenica

    "Mi piace"

  18. bello questo posto dove si possono scambiare pareri sui libri.
    Io stò leggendo Muriel Barbery “l’eleganza del riccio” direi – magnifico -!!!!!
    anche io come molti ho trovato il primo di Larsson molto bello e gli altri molto ma mooooolto meno, belli intendo!…..Un libro che mi piacerebbe che tutti leggessero è I quaderni di Serafino Gubbio operatore di Pirandello lo trovo diciamo così – costruttivo -.

    "Mi piace"

  19. Ho iniziato il 2010, come del resto anche il 2009, con “In difesa delle cause perse” di
    Slavoi Žižek(leggi Sciscek). In mezzo narrativa e altro, ma il filosofo sloveno mi ha conquistato, anche se dopo un anno e mezzo che lo leggo sono ancora che spulcio altri saggi o commenti che riguardano quello di cui parla per capire di che parla.
    A proposito scrivo su questo interessante sito per cercare qualcuno che abbia interessi letterari simili ai miei, con cui discutere sui temi che “In difesa delle…” mette in piatto. Fra cui (X LUSITANIAY93) i temi inerenti “L’eleganza del riccio” che con moltissima grazia Muriel Barbery, insegnante di filosofia, affibia all’umile, ma non tanto, portinaia. Saluti

    "Mi piace"

  20. Ho cominciato il 2010 con, il ragazzo che leggeva Magriet di Francesco Recami.
    Un bel libro, lo consiglio.
    Prendo nota dei vostri libri, per le prossime letture.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.