Si parla troppo di silenzio, Aldo Nove

Ovvero un incontro immaginario tra Edward Hopper e Raymond Carver.

Railoroad Sunset, Edward Hopper
Railoroad Sunset, Edward Hopper

Approfitto della imminente apertura della mostra di Edward Hopper _il mio pittore preferito_ a Palazzo Reale a Milano (14 ottobre – 31 gennaio) per parlare di un bellissimo racconto che ho appena avuto il piacere di leggere, che sarà in libreria da mercoledì prossimo, 14 ottobre.

Si chiama _titolo stupendo_ *Si parla troppo di silenzio*, è un racconto di Aldo Nove, edito da Skirà, e il sottotitolo recita proprio: Un incontro immaginario tra Edward Hopper e Raymond Carver.

Come scrive Nove nella finale nota dell’autore, immagina un incontro che sarebbe potuto avvenire nel 1958, quando Edward Hopper e sua moglie Jo andarono in vacanza a Paradise, California, dove viveva un giovane Raymond Carver, non ancora affermato come scrittore.

Incontro che sarebbe potuto avvenire per motivi geografici e temporali, ma che effettivamente non è mai avvenuto. I dialoghi, però, sono reali (presi da lettere, biografie, interviste), così come alcuni episodi narrati e presenti nei racconti di Carver, come l’episodio dei cavalli in *Se hai bisogno chiama*.

Il fulcro del racconto è una giornata di pesca fra Carver e Hopper e lo scambio di vedute sul comune modo di vedere il realismo.

Non aggiungo altro, nell’attesa della pubblicazione del libro, che invito tutti a leggere.

A proposito di realismo, però, cito un paragrafo del libro (pp. 60-61):

“[…] E’ dalla vita reale che si raccolgono le storie. E le storie più incredibili sono quelle quotidiane.”
“Sono d’accordo con te. E’ quasi scandaloso, per chi è in grado di accorgersene: quanta fantasia c’è nel reale, nella vita di tutti i giorni. Si tratta di ritrarla nel modo giusto, di darle forma o parola, ombra o silenzio, luce che immobilizza o buio che sospende”, continua Hopper guardando il cielo.
“Proprio così. Ma c’è un’altra cosa che considero fondamentale. E’ una cosa che chi fa arte deve avere a qualunque costo”, dice Carver.
E continua: “Anche a costo di apparire banale, parlo della capacità di rimanere a bocca aperta davanti a qualcosa, qualsiasi cosa.” […]

*giuliaduepuntozero

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.