Pensieri a caldo su Sandro Veronesi, Caos calmo – di Anna R.

Cari amici
due righe a caldo sul libro di Veronesi che sarà uno dei prossimi in discussione al gdl. Innanzitutto l’ho letto in un battibaleno, complice qualche viaggio in metrò, indice del fatto che la scrittura è scorrevole e la vicenda narrata in prima persona coinvolge e scorre. Il protagonista che, a seguito di una vicenda personale tragica, si ferma e osserva se stesso e ciò che lo circonda compie  un’azione di cui tutti, o quasi tutti, abbiamo sentito il bisogno.
E’ come se Piero, improvvisamente, riuscisse a vedere al di là della pura apparenza e desse diverso valore alle persone e alle cose suggerendo al lettore delle riflessioni sul nostro modo di vivere (in particolare in una grande città), tutto spinto al possesso, all’esteriorità e che fagocita, banalizza e appiattisce anche le esigenze di spiritualità e di profondità delle persone (vedi new age, psicologia più o meno spicciola etc.).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.