Leggere è una questione di performance?

Scopenauer

Settimana scorsa in redazione è arrivata una proposta sui corsi di lettura veloce. Sono ormai molte le università che offrono iniziative di questo tipo. Perciò mi sono chiesta: ma leggere è (o può diventare) una questione prestazionale? Dagli ultimi studi di neuroscienze, sappiamo che la pessima abitudine di stare continuamente attaccati ai device digitali (e la prima sono io) crea una frammentazione dell’attenzione che incide, ahimè sicuramente, anche sulla concentrazione e sulla nostra voglia/capacità di fermarci con un libro in mano. E questa è la premessa. Possiamo anche affermare che la velocità di lettura è un’abilità che si stratifica, un training della mente. Più lo si fa, più si procede spediti, questo è certo.

Tuttavia, la prima risposta che mi viene in mente è: dipende. Dipende da cosa si sta leggendo. E allora qui si può parlare di ritmo, respiro, distanza. La saggistica (io credo) è per sua natura una faccenda per fondisti: non si può scattare, si cammina a ritmo cadenzato e si sosta qua e là, per prendere appunti.

La narrativa è più libera (e l’approccio è senz’altro più soggettivo): così Faulkner richiede un lento riscaldamento, ma quando si rompe il fiato si corre in discesa, Thomas Mann è un allenatore severo ed esige tecnica e preparazione, Tolstoj è una strada maestra dove si cambia continuamente ritmo, ora si scatta, ora ci si ferma a osservare qualche fiore raro ma si va avanti sicuri, Dostoevskij è una scorciatoia di montagna: offre scorci meravigliosi ma bisogna stare attenti a non cadere. E ancora Jane Austen è un déjeuner sur l’herbe, mentre Virginia Wolf è un fiume in piena: è necessario saper nuotare bene per non annegare (“sono radicata, ma scorro”, avverte il lettore nelle Onde).

Tirando le somme: di ritmo e respiro si è già parlato. Sulla distanza credo che, come nelle relazioni, ogni lettore debba trovare la propria (ed è diversa per tutti) con il libro che sta leggendo. E in questo l’arcinota parabola dei porcospini di Schopenauer può venirci in aiuto:

«Alcuni porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini vicini, per proteggersi, con il calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono le spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro. Quando poi il bisogno di riscaldarsi li portò nuovamente a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro fra due mali, finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione.

Per quanto coinvolgente, se in un libro ci si cade dentro, non se ne vedrà lo scheletro e  l’impianto, che è altrettanto importante. Allo stesso modo, se il focus sarà solo sulla struttura, non riusciremo a percepire il tono e il timbro dei dialoghi, né a vedere le sfumature dei colori o a sentire l’intensità dei profumi di quello che stiamo leggendo. È un incessante cambiamento di prospettiva, un ininterrotto esercizio di messa a fuoco.

Quindi, si potrebbe concludere che la lettura ha una sua dimensione prestazionale, ma è cangiante. Ogni libro cambia con il suo lettore, di momento in momento. E voi, a che velocità andate?   

6 commenti

  1. Esatto. E un piacere non può avere diktat: viene come viene, ogni libro ci indica a quale andatura procedere. Basta ascoltarlo 😉

    Mi piace

  2. infatti un libro denso e bello lo capisci bene – di solito – solo alla seconda lettura che svela stile, struttura, meccanismi, topics, arguzie, altre meraviglie.

    La velocità, la voracità e il leggere hanno davvero poco in comune.

    E’ pur vero che certi libri non si riescono ad abbandonare tanto si resta incollati alle loro pagine meravigliose.
    Ma poi c’è il tempo del deposito emozionale.Del riflettere, del ripensare, del rileggere se si può.

    E poi certi autori/autrici sono più avvincenti, altri più ostici, altri più difficili, altri più cerebrali, altri più verbalmente affastellatori. A volte non succede nulla, a volte tutto. Come si fa a generalizzare?.
    Quindi. dipende, sempre.
    Ognuno/a legge come vuole, come sa, come gli piace, come può.

    Lettura come prestazione? o mammagesu’

    Piace a 2 people

  3. Cristina, a quanto pare siamo tutti d’accordo. 😊 e mi è piaciuto soprattutto quel “ognuno legge come può”. Eh già: non come vorrebbe, ma come è in quel momento. Sul sedimentare sfondi una porta aperta: io leggo, e rileggo e ci ripenso e nascono idee… leggere è un percorso e un processo, non un’attività 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.