Blonde

Tanto per cambiare, sto leggendo un libro di Joyce Carol Oates, *Blonde*. E’ la storia di Norma Jeane Baker, in arte Marilyn Monroe. Biografia romanzata, ci tiene a sottolineare la Oates nella prefazione. Io non me ne rendo conto, perché della Monroe, mi sono accorta, non so proprio nulla, se non qualche immagine nei ricordi.
Bellissimo, comunque, come al solito. Ogni libro che leggo, mi stupisco di quanto sia brava questa scrittrice (e non ha ancora vinto il Nobel per la letteratura, accipicchia).
La cosa che mi soprende di più, se ci devo riflettere, è la sua capacità di presentare la realtà (perché di realtà si tratta, anche se è un romanzo) da punti di vista diversi. Detto così, sembra banale. Però in *Blonde* ti presenta la narrazione di volta in volta con gli occhi di persone diverse: la piccola Norma Jeane nel capitolo *Bambina*, la ragazzina orfana e spaurita quando diventa adolescente, la donna matura più avanti. Ma non finisce qui. Ogni tanto, ci sono dei capitoli corali (che tanto ho apprezzato in *La ballata di John Reddy Heart*), quando ad esempio Norma si presenta in pubblico; in questo caso, è con la gente comune che ci immedesimiamo, sembra quasi di essere lì anche noi in mezzo alla folla in delirio.
Grandioso.
Poi, ovviamente, un altro merito va per la bravura della Oates di scrivere di donne. Norma Jeane ci viene presentata come un vero e proprio essere umano, con le sue debolezze, ma anche i suoi pregi e i suoi talenti, al di là del suo essere pubblico. Senza però adularla o metterla su un piedistallo. La storia di Norma Jeane-Marilyn potrebbe essere quella di qualsiasi donna alle prese con una madre pazza e un padre inesistente, una gran voglia di essere amata e l’incapacità di trovare qualcuno che ne sia veramente capace, il desiderio di essere accettata, che sia da poche persone, come da tutto il mondo.
Da leggere.

*giuliaduepuntozero

10 commenti

  1. Zoe, non lasciarti scoraggiare, vedrai che ne varrà la pena. La Oates è una scrittrice superba, è questo è uno dei libri in cui dà il meglio di sè.
    Sempre a proposito di Marilyn Monroe, leggevo proprio oggi sul Sole 24 Ore della Domenica che sta per uscire un libro per Bompiani di Michael Schneider, *Marilyn. Ultimi giorni, ultima notte*, in cui si racconta del suo rapporto con lo psicanalista Ralph Greenson. Promette bene.
    *giuliaduepuntozero

    "Mi piace"

  2. L’ho finito ieri, bello davvero! Sarà pure romanzato, ma la sensazione è quella di un grande amore della Oates per Marilyn, anzi per Norma Jean. Mi sembra di conoscerla, ora ed è tutto il pomeriggio che navigo in internet per vedere foto di Cass Chaplin.. ma niente! Ciao Giulia. da Frances Piper

    "Mi piace"

  3. giuliaduepuntozero
    sai che ho anche quello?… ma quanti libri accumulo? … io per ora devo dire che lei non mi ha mai deluso, anzi…
    e adesso ho ancora più curiosità …

    "Mi piace"

  4. Non riesco a trovare il libro Blonde. Dopo l’edizione Bompiani del 2007 non e` stato piu` pubblicato ed adesso e` praticamente introvabile. Qualcuno me ne potrebbe procurare una copia usata? Grazie

    "Mi piace"

  5. Cara Giuliaduepuntozero,
    grazie della informazione, purtroppo non mi capita di andare frequentemente a Milano, comunque se mi capita…. sara` il primo libro che cerchero`.
    Ciao grazie ancora

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.