Il vecchio e il mare, Ernest Hemingway

Santiago è vecchio. E stanco. Ha una piccola barca a remi con una vela e vive di pesca.
Santiago è scalzo come il suo amico Manolo che vive di pesca come lui ai tropici, ma ha la giovinezza che lo sostiene ancora. Santiago è solo, ma non è solo. Manolo è l’unico che si prenda cura di lui e si preoccupi per lui. Tutti i giorni. Santiago gli dice di non preoccuparsi, che ce la farà.
Santiago va a pesca tutti i giorni, con la sua barchetta nell’immensità dell’oceano e ci insegna il rispetto per la natura e la tenacia nei confronti delle avversità della vita.
Grazie Santiago.

(Ernest Hemingway, Il vecchio e il mare, 1952)


Unisciti ad altri 6.926 follower

7 risposte a “Il vecchio e il mare, Ernest Hemingway”

  1. si lo so… parlare di un classico è difficile. lo conoscono tutti ed è come scoprire l’acqua calda… però a me piace parlare dei libri che mi hanno emozionato, quindi scusate se leggendo il mio post pensate “si, vabbe’ e che c’è di nuovo?”. sarà che per me trovare un libro emozionante è sempre più difficile… ricollegandomi al bel post di luiginter: per me parlare di un libro forse è parlare soprattutto di me, ma anche far parte di una comunità di lettori legati da una passione comune (anche se non da gusti comuni…)

    "Mi piace"

    1. Ciao whitelight, e intanto, bentornato, era parecchio tempo che non ti si leggeva quaggiù.

      Quanto a scrivere e parlare di libri “classici” che “tutti conoscono”: io lo faccio spesso, mi trovo sempre più ad apprezzare i libri che sono nel patrimonio dei libri fondamentali per tanti di noi. Passioni comuni, letture da condividere, di libri che in tanti amano. Libri da rileggere per scoprirne la forza; o da leggere per la prima volta, finalmente!

      Quindi, Hemingway. Grazie whitelight 🙂

      "Mi piace"

      1. grazie del bentornato! si era da un po’ che non leggevo più i blog, ma alla fine sentivo la nostalgia e sono tornato. combinazione in questi giorni ho letto questo splendido romanzo e volevo condividere le mie impressioni con tutti 🙂 grazie di aver colto lo spirito con cui l’ho fatto 🙂

        "Mi piace"

  2. Ciao whitelight, e intanto, bentornato, era parecchio tempo che non ti si leggeva quaggiù.

    Quanto a scrivere e parlare di libri “classici” che “tutti conoscono”: io lo faccio spesso, mi trovo sempre più ad apprezzare i libri che sono nel patrimonio dei libri fondamentali per tanti di noi. Passioni comuni, letture da condividere, di libri che in tanti amano. Libri da rileggere per scoprirne la forza; o da leggere per la prima volta, finalmente!

    Quindi, Hemingway. Grazie whitelight 🙂

    "Mi piace"

    1. grazie del bentornato! si era da un po’ che non leggevo più i blog, ma alla fine sentivo la nostalgia e sono tornato. combinazione in questi giorni ho letto questo splendido romanzo e volevo condividere le mie impressioni con tutti 🙂 grazie di aver colto lo spirito con cui l’ho fatto 🙂

      "Mi piace"

  3. grazie del bentornato! si era da un po’ che non leggevo più i blog, ma alla fine sentivo la nostalgia e sono tornato. combinazione in questi giorni ho letto questo splendido romanzo e volevo condividere le mie impressioni con tutti 🙂 grazie di aver colto lo spirito con cui l’ho fatto 🙂

    "Mi piace"

  4. Sono d’accordo con voi. Dei “classici” non si può MAI parlare/scrivere troppo. Se dovessi fare l’elenco dei “miei primi 40 libri” (come alcuni fanno in un altro post) tra i primi 20 ci sarebbero sicuramente Guerra e pace, Delitto e castigo, i Buddenbrooks, Il Maestro e Margherita, La Valle dell’Edene e anche qualche Hemmingway …;)

    "Mi piace"

    1. Verissimo, Helga. Anch’ io comincerei dai classici russi che hai nominato tu e poi aggiungerei Le affinità elettive, senza dimenticare Le mille e una notte, ” colpevole” della mia iniziazione passionale alla lettura… Perbacco, ho sbagliato post!

      "Mi piace"

      1. Cara Renza, vuol dire che i nostri “gusti letterari” sono molto molto simili 🙂

        Ripensando a Hemingway: il mio preferito è “Addio alle armi”

        "Mi piace"

        1. Sì, molto intenso ma anche l’ essenzialità dei “49 racconti”, cara Helga…

          "Mi piace"

  5. Verissimo, Helga. Anch’ io comincerei dai classici russi che hai nominato tu e poi aggiungerei Le affinità elettive, senza dimenticare Le mille e una notte, ” colpevole” della mia iniziazione passionale alla lettura… Perbacco, ho sbagliato post!

    "Mi piace"

    1. Cara Renza, vuol dire che i nostri “gusti letterari” sono molto molto simili 🙂

      Ripensando a Hemingway: il mio preferito è “Addio alle armi”

      "Mi piace"

      1. Sì, molto intenso ma anche l’ essenzialità dei “49 racconti”, cara Helga…

        "Mi piace"

  6. Cara Renza, vuol dire che i nostri “gusti letterari” sono molto molto simili 🙂

    Ripensando a Hemingway: il mio preferito è “Addio alle armi”

    "Mi piace"

    1. Sì, molto intenso ma anche l’ essenzialità dei “49 racconti”, cara Helga…

      "Mi piace"

  7. Sì, molto intenso ma anche l’ essenzialità dei “49 racconti”, cara Helga…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: