Con McCandless, into the wild

Cerco di spiegarvi perché mi è piaciuto Into the wild di Jon Krakauer. Lo faccio a fatica, perché il rischio di banalizzare ciò che sto dicendo è altissimo e perché, in fondo, lo stesso libro racconta una storia diversa a ciascuno di noi. Sono le circostanze (quello che siamo in quel preciso momento della lettura) a renderlo così speciale quindi diciamo che ci provo, ma non è affatto detto che ci riesca.

Questo libro parla di una ricerca, della ricerca di sé. Come Zarathustra di Nietzsche o come padre Sergij di Tolstoij, McCandless – il protagonista del libro – abbandona tutto quello che ha (una vita agiata, una famiglia, un futuro promettente) e parte per un lungo viaggio, per trovarsi.

Leggendolo, io mi sono trovata di colpo in cima a una montagna. Questo libro mi ha costretto a sollevare la testa e a guardare l’orizzonte. La solitudine che induce è così piena, ricca, appagante che non ha bisogno di parole. E in questo silenzio, mi sono sentita una pianta in un bosco, ho sentito le radici affondare nella terra umida e il vento scorrere sulle foglie.

Ora, che manca un capitolo alla fine, mi attardo perché so che devo trovare la discesa a valle. McCandless non l’ha trovata, si è perso. Non è difficile capire perché. Da quassù la vertigine del vuoto è irresistibile.

Mi attardo perché devo abbandonare questo stato di autosufficienza perfetta (che è la massima hybris) – e infatti questo è anche un libro sull’orgoglio (McCandless pensa di poter sempre contare solo su se stesso) ma è anche un libro sull’abbandono. Il protagonista abbandona tutti quelli che ama, e tutti quelli che conosce nei suoi due ultimi anni di peregrinazioni (e più diventano intimi, più in fretta li deve lasciare). Come dire che la nostra capacità di amare è inversamente proporzionale al desiderio di possesso.

E’ ora di scendere, quindi. Ma vi lascio uno dei suoi consigli:

make each day a new horizon.

Ultimi articoli pubblicati

Unisciti ad altri 6.913 follower

37 risposte a “Con McCandless, into the wild”

  1. Ho il libro di Krakauer qui sul comodino, fra qualche giorno comincerò a leggerlo.
    Proverò a ritornare a lettura finita su quanto descritto da theleeshore: per ora mi limito a dire che la scelta dell’*autosufficienza perfetta* temo sia distruttiva, per sé e per gli altri, magari anche per coloro che si dice di *amare*.

    Non riesco a pensare all’amore e in generale agli affetti come *abbandono*. La capacità di amare mi sembra sia lo *stare con* e non abbandonare. E lo stare con non è necessariamente possesso. Insomma, come dici, theleeshore, spero che il libro racconti veramente una storia diversa a ciascuno: spero che quella che racconterà a me sia una storia dove il ritrovarsi nel lungo viaggio preveda anche il ritorno, dove la vertigine del vuoto non attiri e dove il nuovo orizzonte di ogni giorno sia pieno di persone e di affetti.

    Un abbraccio a tutti (spero di non aver banalizzato)

    "Mi piace"

  2. Ho letto il libro da poco, proprio per preparmi al film di Sean Penn che uscirà prossimamente (spero vivamente visto che film banali stan ancora dominando la scena ma lasciam perdere..)

    Sono rimasto affascinato dalla storia di Chris, forse perchè amo il genere “viaggi e ricerca di se stessi” si potrebbe dire (d’altronde sono fan accanito di Kerouac.. Thoreau.. e compagnia bella..): la sperimentazione della vita sulla strada, nella natura, è qualcosa che mi affascina molto anche se vedo poche prospettive di realizzare questa aspirazione.
    Certo, Krakauer non sarà propriamente un romanziere, ma ha saputo mettere insieme frammenti di diario, racconti, interviste alle persone che sono state in contatto con McCandless, anche esperienze proprie e diverse citazioni di Tolstoij, Thoreau, Joyce, in un libro che ti fa venir voglia di mollare tutto, radunare poche cose e partire per chissà dove.
    Dita incrociate per il film.

    "Mi piace"

  3. beh, luiginter, prova a salire sulla montagna, e poi parleremo di quell’horror vacui (e quanto è potente, almeno per me). Luca, anch’io mi sono stupita della capacità di raccontare di Krakauer (non gli avevo dato molte possibilità all’inizio) e di come il viaggio di Chris diventi, giorno dopo giorno, reale, vicino, condiviso. Sulla pulsione di fuga, sono pienamente d’accordo. Nessun libro mi ha fatto sentire così libera. Come direbbe McCandless: hit the road!

    "Mi piace"

  4. Devo iniziare a leggerlo… se mi conosco un po’ mi piacerà parecchio e mi farà soffrire allo stesso modo… il coraggio per prendere su e andare non l’ho mai avuto finora…e se da un lato quanto raccontato nel libro potrà farmi sognare, dall’altro mi ricorderà ancora una volta quanto posso essere pusillanime… spero questa volta di trovare una risposta (che esagerazione!) o almeno un ispirazione sul da farsi…vivere sempre sull’uscio non fa bene allo spirito…o si resta in casa o si va fuori…bravo chi decide, ha tutta la mia ammirazione.

    "Mi piace"

  5. l’ho letto due/tre anni fa e poi riletto e poi riletto…quando era ancora in edizione piemme con copertina blu. ora dovrebbe essere uscito per corbaccio con nuova edizione. libro che tocca il cuore e la mente e come tutta la letteratura vera muove i pensieri e le azioni. cinematograficamente sembra lontanamente il grizzly man di Herzog, un libro waldeniano ed emersoniano fino al midollo.
    qualcuno ha letto aria sottile di krakauer? l’ho sempre maneggiato ma non mi son mai deciso a prenderlo.

    scusate (OT):
    ma against the day di Pynchon quanto aspetta ad uscire?

    "Mi piace"

  6. Ruka, stare sull’uscio può essere molto bello. E’ che si tratta di fasi diverse: io avevo bisogno di andarmene. Magari, quando lo leggerai verrà voglia anche a te 😉
    Brico, sull’edizione italiana ne so poco. L’ho letto in inglese e lo consiglio a tutti (leggibilissimo)
    Un’ultima cosa: in attesa del film di Sean Penn, come diceva Luca, vi consiglio la colonna sonora: è di Eddie Vedder (voce dei Pearl Jam) ed è strepitosa.

    "Mi piace"

  7. confermo sulla colonna sonora. Hard Sun a tutti.
    io cerco di sapere almeno l’italiano.
    Chris ha trovato il suo lago di Walden e non è più tornato.

    "Mi piace"

  8. ah ah ah giusto brico. Chris sapeva cosa stava facendo, non era un ingenuo e non aveva alcun proposito suicida. E’ che a volte non si ritrova la strada…

    "Mi piace"

  9. Io penso che McCandless sia un naive borioso (ha il tipico atteggiamento degli americani di buona famiglia) che pensa che l’uomo occidentale sia in grado di dominare la natura quando in realtà non sa manco distinguere le bacche avvelenate dalle more.

    Su questo tema, consiglio a tutti la visione di un bellissimo film documentario di Herzog, “Grizzly Man”, tratto dal footage di un altro americano che cercava in Alaska “nuovi orizzonti”, e momenti di contatto con i grizzly. Inutile dire come finisce, potete immaginarlo 😉

    Questo libro, letto 3 anni fa, prima che si parlasse ancora del film di Sean Penn, mi è sembrato divertente, ma nulla più.

    Non è mi neanche piaciuto tanto che l’autore passi la maggior parte del libro a parlare di se stesso (in fondo tutta la storia di McCandless era già entrata in un articolo da 2 pagine e non sapeva bene come allungare il brodo) ho invece apprezzato che critichi la “leggerezza” con cui il protagonista affronta il suo viaggio, verso una natura che nella sua testa era selvaggia, ma che poi di fatto non esiste più (infatti il genio in Messico finisce nei canali di scolo cercando fiumi incontaminati).

    Una storia di ricerca di sé? Forse, ma per bambini viziati.

    "Mi piace"

  10. Si beh, come si è discusso anche all’interno del libro sulle varie critiche di naturalisti ed esploratori esperti, forse Chris ha sottovalutato troppo le difficoltà della vita in quella natura selvaggia manifestando un pò di ingenuità (anche se nel libro si parla della sua morte per ignoranza un pò più comprensibile che non nella distinzione di bacche avvelenate da more).

    Quello che mi colpisce è la forza d’animo che ha trovato (insieme a tanti altri personaggi in altri libri) per mollare ogni comodità, la prospettiva di una vita di successo, perfino in un certo senso l’amore, per esplorare un lato dell’anima che trova radici profonde nel modo in cui vivevamo migliaia di anni fa.. un contatto con la natura, un abbandono dalla modernità che ormai ci culla troppo e forse spiega perchè l’uomo occidentale non è più abituato alla crudeltà del “selvaggio”.

    Sta di fatto che essere nella natura nel ’92 non è come esserlo anni prima, chiaro.

    "Mi piace"

  11. Caro Luca, io non ci vedo nulla di “forte” nel suo mollare tutto. Insomma solo chi non ha mai avuto nulla si attacca alle cose, se nasci ricco, vivi ricco e sai che comunque vada se cambi idea mamma e papà saranno sempre li ad aspettarti nella tua villona, non ci vuole molto a dire: ciao io vado e non so se torno.

    E’ chiaro che lui era diverso dai suoi compagni di università, e se non altro aveva la curiosità. Ma era anche uno in conflitto con una figura paterna forte e autoritaria e la sua avventura sa tanto di fuga dalla famiglia.

    Anche io ho trovato bella la voglia del contatto con la natura, ma McCandless – stando al libro – si getta in questa impresa in modo naive più che coraggioso, svampito più che forte, casuale più che idealista.

    Immagino poi che ognuno ci veda un po’ quello che vuole. In fondo questo libro riporta per lo più un fatto di cronaca.

    "Mi piace"

  12. grazie per aiuto che mi avete dato ed in oltre complimenti per il sito

    "Mi piace"

  13. Mi avete convinto (come per altri dieci che mi attendono a casa).
    Trovata l’ultima copia da Shakespeare&Co, in rue de la Bûcherie, partirò finita la ragazza dello sputnik di murakami.
    😉
    Fubar/08.01.11

    "Mi piace"

  14. Sei in terra francese, fubar? Ottima scelta comunque. Spero che, come per Cime tempestose, non te ne pentirai (e come allora mi troverai qui a parlarne se vorrai). buon rientro, dunque. 😉

    "Mi piace"

  15. Sappiate sono un po’ perplesso. Rispondo, infatti, solo per l’affetto verso theleeshore che tanti bei suggerimenti mi ha regalato nell’ultimo anno. Il libro non mi è proprio piaciuto. Mi ha annoiato lo stile dello scrittore ed ancora di più il contenuto -aka le (dis)avventure del giovane McCandless-. Non ho provato alcuna emozione se non il forte desiderio di arrivare all’ultima pagina per scoprire -inutilmente- che vi sarebbe stato un colpo di scena. Niente. Alcun desiderio di avventura, di libertà, di amore o di odio..nulla. A margine giusto un appunto al bellissimo brano introduttivo del 15° capitolo ( tratto da The Dead Father di Donald Barthelme) e sulla esposizione del rito di passaggio dalla gioventù all’età adulta (un paragrafetto di dieci righe a metà del capitolo 17°).
    Forse, come scrive in origine theleeshore (“Lo stesso libro racconta una storia diversa a ciascuno di noi. Sono le circostanze (quello che siamo in quel preciso momento della lettura) a renderlo etc”), non era il mio momento. Non v’è stata empatia. Sono, forse, alla ricerca di altro che di sogni o di libertà o di solitudine immensa o di selvatico. Eppure questa settimana mi sono cimentato anche con Murakami, Mishima, Soseki e Pérez-Reverte: scrittori che proprio concreti non possono definirsi.
    Ho lasciato un commento un po’ stupido; me ne rammarico. Ho perfino ceduto il libro in prestito ad un amico nella speranza ch’egli ne colga valori e sensazioni più simili a quelle descritte in questo post e me li trasmetta in una accesa discussione.
    Boh!
    Però, a volte, è bello anche riscoprire che qualcosa non piace. Mi fa sentire ancora dotato di spirito critico, di spina dorsale [urca! ‘sta frase non fatela leggere ad uno psichiatra! ;-)], di senso sbarazzino…o, magari, è soltanto il rimbambimento dell’età 😀
    Vostro affezionato,
    Fubar/08-01-18th

    "Mi piace"

  16. Fubar, sono io che mi scuso per averti dato un consiglio fuorviante! Ma appunto, l’avevo premesso: questo libro ha detto qualcosa a me, a un altro può apparire brutto, banale, insignificante e chissà che altro. Però l’importante è riuscire a parlarne sinceramente, a questo servono le relazioni con gli altri esseri umani e a questo serve un gruppo di lettura no? Alla prossima quindi 🙂

    "Mi piace"

  17. cari ragazzi, ho vissuto da giovanissimo un’avventura simile, nei lontani stati uniti, ora sono padre di un ragazzo che ha già cominciato ad esplorare il mondo, alla sua maniera perchè ovviamente è sempre diverso e sempre uguale come la vita ci si presenta davanti, il film mi ha commosso talmente che stento a parlarne, non ho letto il libro, ho letto i libri che nel la storia sono citati…trovo la storia di alex toccante e immensamente piena di rimandi e contenuti.. tante cose ho sbagliato nella mia vita, ma quello che mi ha dato il viaggiare in quel modo e la ricerca di una umanità vera è impagabile.
    un abbraccio a tutti
    lino

    "Mi piace"

  18. Lino, io ovviamente sono completamente d’accordo 🙂
    Ho trovato il film strepitoso, e avendo letto il libro è stato come ripercorrere tutto il viaggio con gli occhi di McCandless.
    Il libro, se ti è piaciuto il film, devi assolutamente leggerlo,
    tanto più se conosci gli autori a cui si rifà Chris.
    E a proposito di coincidenze e rimandi (quelli di McCandless e quelli in cui incappiamo continuamente) oggi ero in libreria e stavo sfogliando un libro sulla meditazione: l’ho aperto e la prima cosa che ho letto era una citazione di Thoreau. Allora mi sono detta che i libri che amiamo parlano sempre di altri libri che ci piaceranno e che le persone che ci piacciono arrivano spesso alle stesse conclusioni (anche se per vie diverse). Si continuano a incontrare, insomma, come i libri si chiamano l’un l’altro con richiami invisibili.
    Quanto alle esperienze di viaggio (e alla scoperta che ne consegue di uno sguardo diverso sul mondo), una delle cose che ho apprezzato di più (di nuovo nel libro e nel film) è stata la capacità del protagonista di emozionarsi per certi dettagli, piccole cose che rendono grande una giornata.
    Se fosse una partitura musicale, la vita di McCandless sarebbe l’inno alla gioia di Beethoven. E se è morto è solo perché aveva troppa voglia di vivere.

    Per tutti gli altri che non hanno visto il film vi lascio il commento di Nepoti oggi su Repubblica:
    Grazie ai tipi come Eastwood o Paul Haggins e ora Sean Penn (che del vecchio Clint è un dotato discepolo), stiamo assistendo alla rinascita del grande cinema “classico” americano.

    "Mi piace"

  19. ieri sera ho visto il film. ora dico una banalita’. chi ha mai pensato di mollare tutto e partire all’avventura ?? tutti !!! ma sono pochi, molto pochi che riescono a farlo. e come vengono giudicati ?? pazzi , irresponsabili ed egoisti ! ora comprero’ il libro. la solitudine e’ vista in un’altro lato della vita in questo film. ci sono scene di solitudine che mia hanno angosciato !! il messaggio che ho ricevuto da questa storia e’ l’ottimismo verso il prossimo e che una moderata solitudine puo’ fare bene. ma di una cosa sono sicuro ; NON SI PUO’ STARE SOLI PER TANTO TEMPO. CIAO GIUSEPPE (uno che soffre di solitudine )

    "Mi piace"

  20. Beh diciamo che nel film sono rappresentati due tipi di solitudini: una è distruttiva (ed è quella di cui parli tu, che indubbiamente c’è), una invece è costruttiva (ed è quella di cui parlo io nel post). Ricordi in quante scene McCandless sta leggendo in uno scenario mozzafiato e in completa solitudine? La natura lì lo avvolge come un abbraccio (e a questo mi riferivo quando parlavo di autosufficienza).
    Però hai ragione a dire che non si può stare soli per molto tempo, bisogna stare soli il tempo sufficiente per capire che abbiamo bisogno degli altri esseri umani. O almeno di quelli che possono definirsi tali.

    "Mi piace"

  21. Se non bastasse il fatto che il film è portatore malato di tutto il retaggio romantico dell’ottocento (l’uomo da solo contro tutti e contro la società, non ha importanza se come alleato si sceglie la natura e/o una ego smisurata), per me è stato anche soporifero (avevo una gran voglia di dormire al cinema).
    Trama e dinamiche banali e prevedibili. Certo è che Sean Penn non è nuovo a queste ribellioni ottocentesche sterili e di fiato corto, seguendo un filone celebrato (certe volte con più profondità), da tanti anche nel 900, molto prima di lui.

    "Mi piace"

  22. Mark, tutto può essere stereotipato e la novità per me non è mai un criterio di selezione. A volte l’indice del valore di una cosa consiste proprio nel fatto che venga da lontano. E che forse ci siamo scordati.
    In un certo senso tutto è già stato detto ma proprio per questo deve essere sempre ripetuto di nuovo.
    Forse che raccontando la storia di padre Sergj Tolstoj ha scoperto il misticismo? O il Bartleby di Melville ha inventato l’enigmatica solitudine dell’individuo?
    Non è su questa strada (a mio parere) che si incontra Into the wild. Ma chiedendosi perché proprio ora in quest’epoca assetata di futuro qualcuno ha deciso di spogliarsi di tutto e arrivare al nocciolo. E’ qualcosa fin troppo facile da capire ma che è invece incommensurabilmente arduo intraprendere.
    Let me see you stripped down to the bone, direbbero i Depeche Mode.

    "Mi piace"

  23. theleeshore, a dire verità mi è dispiaciuto trovarmi in disaccordo con te sul film ma forse è attraverso il dibattito che si arriva prima alla verità su un opera.
    Nel film quello che mi disturba non è lo stereotipo,ma l’abbraccio senza remore della maniera di sentirsi tipicamente romantico. Che secondo me falsifica la realtà, mettendo in opposizione l’io “gonfiato” dell’autore con tutti e con la società. La falsifica non perché racconta tale opposizione, ma per come la racconta: la prospettiva è quella del “io sono migliore e io conosco la Via” o se vuoi “voi non riuscite a capirmi e a capire l’Idea”. Prospettiva abbracciata senza occhio critico da Sean Penn (e scommetto anche da Krakauer).
    Padre Sergej è un capolavoro, ma secondo me è tale perché in nessun istante Tolstoj abbandona la lucidità ed il realismo mentre racconta il suo personaggio. Non c’è niente di romantico in “Padre Sergej”.

    "Mi piace"

  24. D’accordissimo sul dibattito, Mark 😉 e capisco anche la tua irritazione riguardo a Sean Penn (che pure io adoro) ma che so come possa apparire snob e sempre molto, molto sicuro di sé. D’accordo anche su padre Sergij, ovviamente.
    Però ti invito (e qui ti sbagli su Krakauer) a leggere il libro. Intendiamoci: può assolutamente darsi che non ti piaccia ma non è mai retorico. Anzi, in questo senso, è proprio un anti-libro: pezzi di interviste, capitoli autobiografici, stralci di articoli dove McCandless viene dipinto da tante persone come un idiota megalomane. Il ritmo viene spezzato continuamente e nessuna enfasi, credimi. E sai cosa? Più leggevo, più questa narrazione così asciutta e asettica mi prendeva… insomma, prova… Che ti costa, al limite ribadirai quello che hai già detto. Io tanto qui sulla montagna ci sto benissimo, ti aspetto… 😉

    "Mi piace"

  25. theleeshore, cercherò di leggere il libro.
    Piccola precisazione su Sean Penn: più che snob e sicuro di sé a me sembra da tempo un adolescente annoiato e ribelle.

    "Mi piace"

  26. Chiaramente un film sull’autodistruzione dell’essere umano e sintomatico di una generazione debole e senza speranza. Ciò che traspare in maniera lampante dalla pellicola, è la trasposizione reale di un giovane solo, problematico, che vaga “nelle Selvagge” in maniera suicida e autolesionistica.
    Ciò che più mi colpisce, che nessuno in questo blog parli mai dell’aspetto psicologico del “McCandless” e di quanto la sua scelta sia libera o influenzata da una psiche compromessa.
    Ritengo che ognuno di noi possieda il libero arbitrio, ma l’utitlizzo dello stesso per essere tale implica la libertà del “volere” e nel caso di specie, la prospettazione dell’evento “morte”.
    Il protagonista del film non sembra possedere una lucidità per qualunque tipo di scelta, nè la consapevolezza dell’evento “morte”, avendo dimenticato anche il mero istinto di sopravvivenza.
    L’infelicità del protagonista traspare per tutto il film ed è raccolta dalle comparse umane che si frappongono nel cosiddetto “viaggio ignoto”, tanto che tutti cercano di aiutarlo e di aprirgli gli occhi, ma la sua tristezza è così grande che rifiuta ogni forma di affetto, nè si rammarica per la perdita degli stessi.
    In buona sostanza “l’immaturo giovane” si comporta, pensa, agisce in maniera avulsa dalla realtà avendo evidentemente perso qualsivoglia forma di coscienza che lo renda più simile al genere umano che a quello animale.
    Considerato che la rappresentazione in versione cinematografica e nello scritto, viene tratta da una storia vera, ho provato nella visione del film un senso di angoscia e al contempo di tenerezza per questo ragazzo solo ed evidentemente compromesso a livello psichico.
    A mio modesto parere, considero la “pazzia” di quanti ergono un ragazzo solitario a baluardo della libertà e della forza umana.
    Nel contempo, ho una grande stima per il regista che in uno scenario di fotografia spettacolare e colonne sonore suggestive, è riuscito brillantemente ad elevare un ragazzo suicida a simbolo di speranza e di emulazione.
    Veramente geniale Sean Penn, che è riuscito ad accattivarsi il consenso di quanti sono speranzosi di un cambiamento radicale della propria esistenza.

    "Mi piace"

  27. brava theleeshore, hai descritto bene

    "Mi piace"

  28. grazie a te per la condivisione, per quello ho scritto il post
    🙂

    "Mi piace"

  29. Vorrei aggiungermi ai vostri commenti: innanzitutto è raro come un film sia così fedele al libro. Credo che criss non sia mosso dalla repulsione al suo stato di benessere, infondo anche molti di noi poveri proletari d’italia viviamo in una realtà cotonata e apparante (sazia e disperata) rispetto ai veri bisogni dell’essere umano. Ammiro questo ragazzo perchè ha avuto il coraggio (e quella follia che da vigore alla vita) di fare quello che in fondo molti vorremmo sperimentare.
    Più che la sua morte sciocca (ben peggiore vivere scioccamente) non ho condiviso in questo ragazzo l’assoluta noncuranza almeno nei confronti della madre.

    "Mi piace"

  30. Concordo giuseppe, in questo senso McCandless è l’antitesi della pietas di Enea e del suo amore verso i vecchi genitori; ma questo è anche un comportamento tipico della sua giovane età no? Quanto al resto, come dici tu, una vita intensa val mille volte una morte sciocca. grazie.

    "Mi piace"

  31. Eppure, nel film ( chè solo quello conosco) Mc Candless mostra un comportamento decisamente orientato verso gli altri ( adulti), poco tipico della sua età. Li osserva con grande umanità, con generosità e decentramento.
    All’ uomo anziano che lo ospita, riserva attenzioni , pensieri e spiccata delicatezza. E’ per quest’ ultimo sentimento che gli chiede di vedere i suoi lavori di cuoio e di rimandare la risposta alla sua richiesta di adozione.

    "Mi piace"

  32. Avatar Francesco Vellei
    Francesco Vellei

    Ragazzi io ho fatto le cose in quest’ordine:
    – ho visto il film che mi ha affascinato moltissimo perchè subisco il fascino dell’America con tutti i suoi spazi naturali e mi ha fatto molto pena la storia di Chris
    – ho ascoltato la colonna sonora che mi ha appassionato ulteriormente
    – ho trovato su internet le foto che si era fatto da solo prima di morire, e questo mi ha fatto capire come questo personaggio fosse una persona in carne ed ossa, vera. Ho visto la sua faccia da bambino, quella dei suoi genitori le foto scattate prima dell’alaska e poi durante il soggiorno nel pulman, la foto del biglietto di richiesta di aiuto, commovente proprio perchè si tratta di storia VERA
    -letto il libro/cronaca che non è un’autoincensamente dello scrittore ma un’utile digressione su ciò che significa scalare e stare a contatto con la natura, digressione raccontata da un vero protagonista.

    Vorrei dire che io personalm son stato toccato moltissimo da questa storia vera (che non è invenzine e fantasia di uno scrittore e quindi non è da leggere come tale) perchè in Chris si può rispecchiare chiunque di noi, perchè credo tutti nella vita siamo costantemente alla ricerca di quel qualcosa che ci manca per essere felici e sempre pensiamo di trovare questo qualcosa nelle cose materiali, ogni volta troviamo nuovi palliativi, i soldi in primis. Credo che Chris si era stancato di tutto questo essendo probabilmente un viziato rampollo ma forse proprio questa sua privilegiata condizione gli ha permesso di vedere con chiarezza il vero vuoto che c’è dietro i soldi.
    Credo che in fondo neanche i rapporti umani offrono quella sicurezza quella serenità stabile che cerchiamo, se siam fortunati di trovare qualcuno è una cosa ottima ma non tutti lo sono e magari cercano nel contatto con la natura quella pace dell’anima che non trovano altrove in quel momento. Chirs poi non è che volesse fuggire per sempre dal consorzio degli uomini ma solo fare un viaggio, un’avventura per poi tornare alla vita. Forse siam troppo assuefatti dalle comodità per renderci conto che il tempo passa e la vita vale la pena di essere vissuta senza paura.
    Io personalmente ho un parente molto stretto che sta molto male e questa sua malattia mi ha fatto alzare la testa dal trambusto quotidiani delle occupazione e delle scadenze a breve termine e mi induce a riflettere sul senso profondo di tutto quello che faccio e su quello che veramente voglio nella vita, sui falsi timori di una sicurezza economica e alla fine capisci (o credi di capire) che tutto un domani ti sembrerà uno scherzo e che non è poi così grave.
    Forse in questa immersione nella natura e nel suo spietato e indifferente rigore cercano quella consolazione narrata da tanti poeti che aveva letto Chris.

    Chris è morto perchè è stato superbo, sprovveduto e superficiale (non un suicida nè un pazzo, al limite incosciente) ma quanti di noi in giovinezza non han commesso errori dovuti alla superficialità? siamo davvero tanto lontani noi dalla sua personalità? quante persone poi si avventurano in situazioni simili e rimangono secchi come lui? Si potrebbero fare molti nomi ma la cosa che più colpisce è che queste persone sembrano felici, sembrano stregate da quello che fanno, non son persone che tirano avanti la propria esistenza stancamente fino all’inevitabile giorno che aspetta tutti. Chris proprio negli ultimi giorni sembrava felice come si vede dalle foto e io non credo che abbia fatto una pessima morte, al contrario ha lasciato un messaggio di ottimismo per tutti pur avendo ormai capito che stava per morire. Chris sarà sato disturbato e troppo preso dalla sua ubris e compiaciuto nel suo delirio giovanile è vero, ma il libro e il film io li ho trovai belli proprio perchè non si può non provar pena per un essere umano che muore. Qui nessuno vuole dire che abbia fatto bene a morire e che non sia stato uno sciocco, nessuno vuole difenderlo, nemmeno Krakauer lo fa, anzi lo critica! ma resta comunue la poesia della ricerca della vita e della felicità, della libertà. McCandless è morto in questo.
    PS un bravo a sean penn e anche ai nostri blogger tutti ma in particolare theleeshore e giuseppe!:)

    "Mi piace"

  33. Molto bello il tuo commento, Francesco.
    Io credo che ci voglia un coraggio e una forza della madonna a vivere come si vuole, e ancora più difficile è forse capire che cosa si vuole dalla vita…

    "Mi piace"

  34. Ciao a tutti!Ho visto il film ieri sera e sto cercando qualche info sui libri che supertramp porta con sè…Ho riconosciuto La felicità domestica…ma gli altri?Qualcuno ouò aiutarmi…grazie mille!Se posso dire la mia, il punto più significativo di tutto il discorso è che la vera felicità è quella condivisa.Sognavo di prendere e partire in moto, in solitario, senza metà…e così ho fatto.Mi sono ritrovato in Portogallo,in un sacco a pelo affacciato sull’Oceano.E il momento più bello del viaggio…è stato chiamare una mia amica,che poi sarebbe diventata la mia compagna, e farle ascoltare il rumare delle onde e del vento.
    Non so se sia in linea con gli altri commenti,ma secondo me è in linea con quel concetto.
    Un abbraccio

    "Mi piace"

  35. sicuramente di tolstoj c’è anche il romanzo COSACCHI.
    Guerra e pace nn lo so perchè nn oso leggerlo.
    Sempre di Tolstoj ci sono anche alcuni racconti come “la morte di ivan ilijch” che sicuramente ha delle relazioni con la sua decisione di vivere così.

    "Mi piace"

  36. Ho visto proprio ieri sera il film, e mi è rimasto nel cuore.
    Ora mi sono fatta prestare il libro, e tornerò su questo argomento non appena l’avrò letto.
    Devo riflettere…
    *giuliaduepuntozero

    "Mi piace"

  37. […] di un ragazzino così superbo, forse stupido o meglio ingenuo, o giustamente come evidenziato da theleeshore, orgoglioso, pieno di hybris, da affrontare un’avventura più grande di lui fino alla sua […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: