_ Invito a una decapitazione _ | Cincinnatus è aggressivo; non è rassegnato. Resta un ribelle?

Cincinnatus non è rassegnato, non riconosce la sua colpa… come colpa, ha un istinto di rifiuto e ribellione. Detesta l’autorità, non si nasconde neppure per un secondo la natura reale della moglie, Marthe – che pare l’unica “cosa” umana rimastagli da ricordare: vana, traditrice, meschina, che gli ha dato un figlio zoppo e malvagio e una figlia ottusa obesa e quasi cieca (pag. 38): anche se i figli non sono di Cincinnatus, per la verità.
Odia i carcerieri e lo dichiara (se pure, a volte, lo faccia il suo <span class=”fullpost”> doppio):
Vi ubbidisco, spettri, lupi mannari, parodie. Vi ubbidisco. Tuttavia esigo, sì esigo… (pag. 46)

Sì ottimo, la ringrazio, bambola di pezza, cocchiere, porco imbellettato… Mi scusi sono un po… (rivolto al direttore del carcere, pagina 62)

Il suo avvocato difensore, a un certo momento, irritato, gli ricorda che è proprio per il “tono” usato da Cincinnatus che sta per essere giustiziato (pag. 43).

Insomma, come delineare l’identità di Cincinnatus?
Forse è anche il caso di affrontare la questione del possibile confronto di Cincinnatus con K del processo di Kafka, o no?

_L

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.