narrare a cologno: le parole di benjamin (2)

MALEDETTE SPIEGAZIONI

Ogni mattino [l’informazione] ci informa delle novità di tutto il pianeta. E con tutto ciò difettiamo di storie singolari e significative. Ciò accade perché non ci raggiunge più alcun evento che non sia già infarcito di spiegazioni. […] E’, infatti, già la metà dell’arte di narrare, lasciare libera una storia, nell’atto di riprodurla, da ogni sorta di spiegazioni. In ciò Leskov [si ricordi che questo saggio sulla narrazione di Walter Benjamin è dedicato a Nicolaj Leskov] è maestro. Lo straordinario, il meraviglioso, è riferito con estrema precisione, ma il nesso psicologico degli eventi non è imposto al lettore. Che rimane libero di interpretare la cosa come preferisce; e con ciò il narrato acquista un’ampiezza di vibrazioni che manca all’informazione. – p. 253

Walter Benjamin, Il Narratore. Considerazioni sull’opera di Nicola Leskov. Il saggio è in Angelus Novus, Einaudi. Il numero di pagina si riferisce all’edizione nella collana Nuova Universale Einaudi.

[_la puntata precedente ]

Tags, a proposito di:

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.