un esempio concreto di “true crime”

Certamente anche IL DESERTO DELLE MORTI SILENZIOSE, pubblicato da La nuova frontiera, appartiene al genere dei romanzi – verità o ai docu-romanzi.

ALICIA GASPAR DE ALBA era tra le scrittrici presenti quest’anno alla Fiera del libro di Torino, nella sezione di LINGUA MADRE, una cicana, cioè una scrittrice di origine messicana che scrive in lingua inglese.

La cultura cicana è ritenuta una cultura di serie B, indegna sia per il Messico che per gli Usa, perchè per questa sua duplicità per gli uni e per gli altri è come se uno svendesse all’altro lingua e tradizioni. Comunque Alicia è docente di letteratura cicana in una università californiana e, ad un certo punto della sua vita, ha sentito il bisogno di documentarsi e scrivere un romanzo per denunciare e far conoscere al mondo i FEMMINICIDI DI JUAREZ, che è il sottotitolo del romanzo. Se avesse scritto un saggio avrebbe raggiunto un numero minore di persone rispetto ad un romanzo, se poi il romanzo è d’azione ed ha la forma del thriller il pubblico si allarga ancora: fondamentale è rompere il silenzio almeno per i tanti lettori in lingua inglese.

Inventata è la protagonista Ivon, che torna a El Paso, sua città natale, per adottare un bambino che una quindicenne dovrebbe partorire, ma che non fa a tempo a nascere, perchè la madre viene barbaramente uccisa. Ivon è tuttavia l’alter ego dell’autrice, anche lei nata a El Paso.

CIUDAD JUAREZ è una città di confine del Messico, separata dagli Usa solo dalle acque luride del Rio Bravo e, al di là del confine, continua con il nome di El Paso ed è Texas. Come si dice nel romanzo è il punto in cui il terzo mondo si scontra con il primo mondo.

Questa città già ai tempi del proibizionismo era luogo di contrabbando, meta per consumare droga e alcol. Oggi ospita 3000 night ed è meta del turismo sessuale.

La fiction, che è anche storia vera, per lo più ignorata dai media, vuole denunciare la catena di omicidi di giovani donne tra i 15 e i 25 anni che si sono susseguiti in questo territorio dal 1993: 400 ragazze (370 morti accertate secondo Amnesty Intenational, anche 1400 secondo altre fonti!). E’ qui che sono sorte le MAQUILLAS, fabbrichette di assemblaggio, aperte dalle multinazionali, per utilizzare manodopera a basso costo, giovani donne che confluiscono dal sud del Messico in cerca di lavoro, sfruttate, sottopagate, spesso senza documenti. Le MAQUILLADORAS sono donne spendibili come un centesimo e spesso nei loro cadaveri sono presenti in bocca o nell’ano monete da un penny. Per essere assunte devono sottoporsi a testi di gravidanza o esibire assorbenti insanguinati.

E molte di loro con la caratteristica comune di essere giovani, di pelle scura, con i capelli lunghi sono trovate morte stuprate, barbaramente oltraggiate nei loro corpi, come è possibile immaginare soprattutto dal XXXIV cap. del romanzo che si legge con raccapriccio e sdegno. I cadaveri sono rinvenuti nel deserto… quasi all’ombra della croce del grande Cristo di Rey.

Perchè tante morti? Perchè tanta violenza?

Non è ancora possibile sapere con certezza, forse è il seguito di macabri festini di narcotrafficanti, forse hanno a che fare con il traffico di organi o con rituali satanici o -cosa ancora più disarmante- questi omicidi potrebbero essere finalizzati alla realizzazione di film in cui gli attori muoino davvero. E per vedere questi film con vittime vere pare si debbano sborsare anche 1500 dollari!

Nella finzione del romanzo Ivon subisce anche il rapimento della sorella Irene e, coinvolta in prima persona, scopre una rete di sfruttamento, con il coinvolgimento della polizia e delle autorità locali, come pare sia nella realtà.

Alla Fiera del Libro la presentazione di questo romanzo mi aveva particolarmente coinvolta, anche per la presenza di Amnesty International, impegnata da tempo in questa denuncia.

Quando ho avuto tra le mani questo libro confesso di avere fatto una certa fatica a leggerlo e di averne interrotta la lettura perchè la prima parte è lenta, digressiva, troppo dialogata, poi sono riuscita ad arrivare in fondo con un discreto interesse.

Per approfondire: due saggi, pubblicati in Italia sullo stesso argomento

  • VICTOR RONQUILLO L’inferno di Ciudad Juarez
  • S. GONZALES RODRIGUEZ Ossa nel deserto
  • e un film BORDETOWN del regista Gregory Nava con Antonio Banderas e Jennifer Lopez
  • E ancora attraverso il sito www.mujeresdejuarez.org.petitionline.com è possibile sostenere la denuncia per arginare questa drammatica spirale di violenza

Unisciti ad altri 6.925 follower

3 risposte a “un esempio concreto di “true crime””

  1. interessante, ahime

    "Mi piace"

  2. Ho da proporvi alcuni libri che ho scritto (gialli ed avventura)
    Se vi interessa visionarli sono pubblicati su lulu.com sotto forma di e-book scaricabili gratuitamente.
    Se fossero di vs interesse contattatemi.

    "Mi piace"

  3. […] Ciudad Juarez, la città del femminicidio un esempio concreto di “true crime” Commenti […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: